Il M5s attacca il Garante della Privacy dopo la multa all’associazione Rousseau. Di Maio: “E’ un politico del Partito Democratico”.

ROMA – La multa all’associazione Rousseau ha scatenato una diatriba tra M5s e Garante della Privacy. Ad iniziare la polemica è Davide Casaleggio che a margine di un evento a Ivrea attacca: “Quella sanzione – riporta il sito di La Repubblica – è un attacco politico. A capo dell’Authority non può starci un ex capogruppo del PD o un politico in generale ma un professionista autonomo“.

Il fatto che tutte le informazioni – continua Casaleggio – siano state date ai giornali in anticipo, il fatto che la comunicazione sia avvenuta nel giorno di una votazione importante. Tutto questo mi sembra un chiaro attacco politico“.

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Di Maio sul Garante della Privacy: “E’ del PD. Dobbiamo sostituirlo”

La linea di Casaleggio viene sposata in pieno anche da Luigi Di Maio: “Ci sono nomine in scadenza – sottolinea il vicepremier – e noi ci adopereremo per individuare una persona al di sopra di qualsiasi sospetto“. E sul ruolo politico dell’Authority dice: “Il sospetto c’è perché il garante ha ricoperto il ruolo di capogruppo al Senato del Partito Democratico. Quando vediamo che ci multano per la seconda volta per un software che non abbiamo più qualche dubbio ci viene“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Il Garante della Privacy si difende: “Non ho nessuna intensione di fare polemica. Casaleggio può ricorrere al giudice ordinario”

Non si è fatta attendere la risposta di Antonello Soro. Il Garante della Privacy difende i suoi poteri: “Non ho nessuna intenzione – dichiara citato da La Repubblicadi fare polemica con qualcuno, né ho bisogno di dimostrare l’indipendenza di giudizio mia e delle mie colleghe nell’esercizio del mandato del Garante. Un’esperienza che nei sette anni passati si è misurata sul terreno della tutela dei diritti e del contrasto alla violazione. I provvedimenti sono facilmente accessibili a chiunque. Al dottor Casaleggio dico che può ricorrere al giudice ordinario come previsto dalla legge“.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 07-04-2019


Palermo, il sindaco Leoluca Orlando sfida Salvini sullo Ius Soli

Pd, è (già) scontro tra Zingaretti e i renziani