Crisi M5s, chi sta con Conte e chi con Grillo. Lo strappo rischia di dividere il MoVimento. Ecco tutti gli scenari.

ROMA – Lo strappo in casa M5s sembra essere insanabile e lo scacchiere inizia a muoversi. In attesa di capire i prossimo movimenti, all’interno del MoVimento sono iniziati tutti i ragionamenti su chi sta con Conte e chi con Grillo. Senza dimenticare che abbiamo anche gli esponenti nel limbo come Di Maio, Fico e D’Incà. Il primo e il terzo sono tra i pontieri per cercare di evitare la separazione. Il presidente della Camera, al momento, ha deciso di non prendere posizione in attesa di capire i prossimi movimenti.

M5s, i pentastellati al fianco di Conte

L’ex premier può contare su un numero importante di esponenti pentastellati. Sicuramente Stefano Patuanelli e Vito Crimi sono i due nomi principali in caso di una formazione di un nuovo partito. Ma la strada tracciata da Giuseppe Conte dovrebbe essere seguita anche da Paola Taverna, Lucia Azzolina, Giancarlo Cancellieri, Ettore Licheri, Alfonso Bonafede e Roberta Lombardi. Anche Virginia Raggi sembra essere intenzionata a confermare la propria fiducia all’avvocato, anche se la spaccatura rischia di creare dei problemi alla sua corsa per la conferma al Campidoglio il prossimo autunno.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Chi sta con Grillo

La decisione di Conte, però, non è condivisa da tutti. Danilo Toninelli ha confermato la propria stima a Beppe Grillo e ribadito la sua intenzione di continuare con il M5s anche con una rottura con l’ex premier. Con l’ex ministro ci sono anche Davide Crippa, Carla Ruocco, Dino Giarrusso, Fabiana Dadone, Laura Castelli e Vincenzo Spadafora.

Nomi destinati ad aumentare nelle prossime settimane visto che in molti sono pronti a restare con il M5s nonostante l’addio di Conte. Restano ancora da risolvere alcuni dubbi e tra questi ci sono Luigi Di Maio e Roberto Fico.


Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, Bonafede nella bufera: “Andava fatta un’ispezione”

Firmato il manifesto dei sovranisti europei. Ci sono Salvini e Meloni