Paola Nugnes espulsa dal M5s. Lei si difende: “Non ho tradito il mandato parlamentare. Loro hanno cambiato il modo di pensare”.

ROMA – Paola Nugnes non fa più parte del M5s. L’espulsione è stata comunicata dal partito che ha chiesto alla senatrice di lasciare il proprio seggio al Senato. Ma l’esponente del Gruppo Misto ha rispedito la richiesta al mittente.

Loro sono cambiati – precisa la Nugnes citata dal sito di La Repubblicatornino a casa e faranno un piacere al Paese. Io non mollo“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Paola Nugnes
fonte foto https://www.facebook.com/paola.nugnes

Paola Nugnes espulsa dal M5s, le dichiarazioni della senatrice

Intercettata dai microfoni di La Repubblica, Paola Nugnes motiva la sua scelta: “Non ho mai tradito il mio mandato parlamentare. Io sono rimasta sempre fedele alle promesse fatte in campagna elettorale. Avevamo detto no a una alleanza con la Lega. Poi sono loro ad essere cambiati, a tradire le promesse ed ora devono tornare casa“.

La senatrice si sofferma anche su alcuni provvedimenti adottati da questo governo: “Per me è stata molto dura la questione del decreto sicurezza. E’ poi stato particolarmente doloroso il caso Diciotti, avremmo dovuto agire in linea con il nostro programma. Ma il testo sulle Autonomie è stato più difficile da digerire. Non so come andrà a fine e sulla flat tax non ci sono le coperture“.

Paola Nugnes espulsa dal M5s, Roberto Fico la difende: “Farà sempre parte del partito”

Roberto Fico difende Pola Nugnes e contesta la decisione dell’espulsione: “Farà sempre parte del M5s – sottolinea il presidente della Camera – non si può cancellare il suo lavoro perché il MoVimento è un sentire e niente può cancellare i 12 anni di lavoro e di progetti vissuti insieme. Se i risultati sono questi lo si deve anche al tassello messo da Paola e non si può far finta di non vederlo“.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/paola.nugnes


Matteo Salvini e la foto con una birra, è polemica social: “antipatriottico”

Decreto Sicurezza Bis, cosa rischia la Sea Watch