MacOS Mojave, il prossimo sistema operativo di Apple, si può provare subito. Da pochi giorni infatti è disponibile la beta pubblica.

Il nuovo sistema operativo di Apple, macOS Mojave, ha suscitato l’interesse degli appassionati per alcune funzioni interessanti. In particolare hanno colpito l’immaginazione dei fan di Apple la nuova modalità scura, la Scrivania dinamica che si adatta alle diverse ore della giornata e le Pile (Stack nella versione inglese) che permettono di ordinare rapidamente gli oggetti sul desktop.

macOS Mojave modalità scura modalità tradizionale

Insomma, diverse novità che gli appassionati non vedono l’ora di provare. Per fortuna possiamo provare la nuova versione di macOS beta, che è stata resa pubblica in questi giorni.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Come provare in anteprima il nuovo macOS Mojave

Per la verità le cose sono molto semplici: dobbiamo solo collegarci alla pagina beta.apple.com e fare clic su Sign Up (Oppure su Sign In se abbiamo già partecipato a qualche beta in passato).

macos mojave beta apple

Nei passaggi successivi dobbiamo accedere con il nostro account iCloud e siamo pronti per scaricare le versioni beta di iOS e macOS. Non preoccupiamoci se le prime fasi della procedura sono in inglese: il sistema operativo una volta scaricato e installato si adatterà alla lingua del nostro Mac. La procedura è piuttosto lineare: dobbiamo solo scaricare il file DMG che ci viene suggerito e lanciare il PKG che si trova all’interno. Nulla di diverso rispetto all’installazione di un qualsiasi software, quindi.

Prima di provare il nuovo macOS Mojave beta, alcune precauzioni

Per quanto l’idea di provare un nuovo sistema operativo Apple in anteprima ci possa solleticare, prima di lanciarci a scaricare e installare, ci sono alcune cose che dobbiamo tenere presenti.

I sistemi operativi Beta non sono per l’uso in produzione

In altre parole, non proviamoli sul Mac che usiamo ogni giorno per lavorare. Per quanto siano piuttosto rari, eventuali malfunzionamenti sono possibili e soprattutto non sono in alcun modo coperti da garanzie, assicurazioni e così via.

In ogni caso, facciamo un backup

Da sempre, i macOS beta, ma anche gli altri sistemi operativi, possono essere problematici. Al punto che anche l’installazione potrebbe non andare a buon fine. Ecco perché prima di fare qualsiasi cosa dobbiamo mettere al sicuro i nostri dati e il sistema operativo attuale con un backup. Nella peggiore delle ipotesi potremo effettuare un ripristino e avremo solo perso un po’ di tempo.

Installare macOS Mojave richiede tempo

E non permette l’uso normale del nostro Mac nel frattempo. Quindi vale lo stesso consiglio dato poco sopra: non è una cosa da fare a cuor leggero. A seconda della potenza del nostro Mac infatti la procedura potrebbe richiedere anche più di un’ora (il tempo “standard” è di circa 30 minuti per la sola installazione).

Le versioni Beta dei sistemi operativi Apple, poca attesa dopo l’annuncio

Sul canale Apple Beta possiamo trovare le informazioni su tre nuovi sistemi operativi. Oltre a macOS Mojave infatti troviamo anche iOS 12 e tvOS 12. Tutte novità annunciate durante l’ultima WWDC, la conferenza annuale degli sviluppatori Apple, che si è tenuta all’inizio del mese di giugno. Le versioni definitive però non vedranno la luce prima dell’autunno.

Fonte foto copertina: apple.com/it/macos/mojave-preview/

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-06-2018


Sette trucchi per usare Instagram come professionisti

Sette cose davvero utili che possiamo fare con lo smartwatch Android