Madrid dedicherà una piazza a Raffaella Carrà. Il Comune ha dato il via libera alla proposta di un gruppo municipale.

MADRID (SPAGNA) – Madrid dedicherà una piazza a Raffaella Carrà. A pochi giorni dalla scomparsa della showgirl, un gruppo municipale aveva avanzato la richiesta per omaggiare l’artista italiana. Il via libera del Comune è arrivato e nelle prossime settimane lungo la calle Fuencarral nascerà una piazza dedicata alla regina delle televisione italiana.

Il voto a Madrid

L’idea di dedicare una piazza a Raffaella Carrà è nata al gruppo municipale Mas Madrid. “Merita questo ed altro – hanno detto gli esponenti riportati dal Corriere della Seralei rappresenta un’icona di libertà per molte generazioni. La sua musica ha ispirato più generazioni. E’ stata una delle prime figure pubbliche a parlare di libertà sessuale ed è un punto di riferimento per la musica e la televisione, un’icona, per Madrid e per la Spagna intera. Merita questo riconoscimento, visto che è sempre stata molto legata a Madrid, città in cui diceva di sentirsi libera e dove si sentiva molto a suo agio a godersi la vita delle sue strade e delle sue piazze“.

Un’idea che è stata votata da tutti i partiti. Gli unici a non sostenere questa proposta è stato Vox che si è deciso di astenersi.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Raffaella Carra
Raffaella Carra

Una piazza dedicata a Raffaella Carrà nella capitale spagnola

Ad annunciare il via libera definitivo è statala pagina ufficiale di Raffaella Carrà. “E’ ufficiale – si legge – fra i numeri civici 43 e 45 della calle Fuencarral di Madrid ci sarà una piazza col nome della grande Raffaella Carrà. Nel centro della capitale spagnola, lungo la via Fuencarral, sarà intitolata una pizza a Raffaella Carrà La proposta del gruppo municipale Mas Madrid è diventata realtà“.

Il gruppo – si legge ancora – mette in evidenza il lavoro di una cantante molto impegnata in alcune cause sociali, come i diritti dei lavoratori o il femminismo […]. L’Italia perde ancora una volta l’occasione di omaggiare per prima la sua grande artista“.


L’allarme dell’Oms: “Le nuove varianti saranno più difficili da controllare”

Milano, Lara Comi rinviata a giudizio