Nicosia (Enna), maestra sospesa per violenze sugli alunni

Una maestra è stata sospesa per due mesi a Nicosia, provincia di Enna, per presunte violenze sugli alunni di una scuola materna.

NICOSIA (ENNA) – Nuovo caso di violenza sugli alunni in una scuola in Italia. Una maestra di 60 anni è stata sospesa a Nicosia, in provincia di Enna, per presunte percosse sui alcuni bambini di una scuola elementare. Le indagini dei carabinieri – partite dopo la denuncia da parte di alcuni genitori – ha confermato quanto raccontato proprio dalle madre e dei padri dei ragazzini.

Le telecamere nascoste hanno filmato il maltrattamento che i bambini di cinque e sei anni hanno avuto il coraggio di raccontare ai genitori. La docente è stata momentaneamente sospesa per due mesi ma nelle prossime settimane potrebbe essere attivato il procedimento di licenziamento in caso di condanna da parte del giudice.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Maestra sospesa a Nicosia (Enna), indagini in corso

Dai filmati dei carabinieri si vede come la maestra in più di un’occasione ha afferrato con violenza i bambini per poi trascinarli di peso sulle loro sedie. Ma anche scaraventati per terra o contro i banchi dell’aula. L’insegnante, inoltre, si è seduta anche sopra di loro schiacciandoli con il suo peso.

Una vicenda che i genitori hanno immediatamente denunciato con i carabinieri che dopo un’attenta indagine sono riusciti a fermare la maestra che ha ricevuto la misura cautelare da parte della Procura di Enna. Sono in corso gli accertamenti per capire se si è trattato solo di episodi che sono stati segnalati oppure se queste vicende succedevano già in passato. La posizione dell’insegnante, quindi, si potrebbe complicare nelle prossime ore con l’inchiesta che non sembra destinata a fermarsi. Intanto la docente è stata fermata in attesa di ulteriori controlli. Sulle violenze negli asili il Governo è al lavoro per garantire maggiore sicurezza e soprattutto più controlli visto quanto successo.

ultimo aggiornamento: 29-05-2019

X