Due maestre di origine cinesi sono state arrestate a Prato per maltrattamenti sui bambini. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

PRATO – A distanza di pochi giorni dai fatti di Torino, altre maestre finiscono in manette per maltrattamenti sui bambini. Ad essere arrestate questa volta sono due insegnanti di origine cinesi che lavoravano in un doposcuola frequentato da minorenni connazionali. Le accuse per le fermate sono di maltrattamenti e percosse. Per una terza collega è stato emesso l’avviso di garanzia ma nessuna misura cautelare, almeno per il momento.

Sulla vicenda indagano gli inquirenti che devono cercare di fare luce sul caso. Gli accertamenti proseguiranno nei prossimi giorni per cercare di capire il coinvolgimento dell’altra persona iscritta sul registro degli indagati.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Maltrattamenti sui bambini, in manette due insegnati di origini cinesi

La misura cautelare è stata emessa dalla Procura di Prato dopo aver visionato i filmati delle telecamere nascoste all’interno dell’asilo frequentato da bambini dai tre ai sei anni. Le indagini sono partiti nel dicembre 2018 quando i genitori hanno segnalato l’uso delle bacchette sulle mani dei bambini e i calci per intimorirli.

Questo ha costretto gli inquirenti a lasciare ad installare delle telecamere all’interno della scuola. I video hanno confermato quanto raccontato dai genitori e così si è provveduto all’arresto di due delle tre maestre mentre una rimane indagata ma a piede libero. Nonostante si tratti di un doposcuola, i bambini vengono portati dalla struttura sin dal mattino.

Una vicenda molto simile a quella dei giorni scorsi, con i piccoli alunni che continuano ad essere maltrattati dagli insegnanti. Non è la prima volta che un caso del genere viene raccontato in Italia con diverse maestre che sono finite agli arresti proprio con queste accuse. Questa volta le violenze si sono svolte in un asilo di Prato con protagoniste due insegnanti di origini cinese.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/


Operazione antimafia a Mussomeli, diciassette gli arresti

Giallo a Roma, uomo di 35 anni trovato senza vita nel proprio appartamento