Mafia, colpo al clan Brancaccio: 25 le persone arrestate

Mafia, colpo al clan Brancaccio: 25 gli arresti

Mafia, nuovo colpo a Cosa Nostra. La polizia ha arrestato 25 persone legati al clan Brancaccio. Sequestrato anche un milione di euro.

PALERMO – Nuovo colpo alla mafia. Nella mattinata di martedì 2 luglio la Squadra Mobile di Palermo ha effettuato 25 arresti di persone appartenenti al clan Brancaccio. I fermati sono accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione aggravata, incendio, trasferimento fraudolento di valori aggravato, autoriciclaggio, detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e contrabbando.

Nel blitz gli inquirenti hanno sequestrato anche beni per un valore di un milione di euro. Nelle prossime ore sono previsti gli interrogatori per chiarire meglio la posizione delle persone fermate.

Mafia, smantellato il clan Brancaccio: le indagini

Le indagini sono iniziate nei mesi scorsi. I capi del clan Brancaccio sono Fabio Scimò e Salvatore Testa, due nomi non nuovi per la polizia visto che avevano già ricevuto una condanna per associazione mafiosa. L’inchiesta – denominata Maredolce2 – ha un collegamento con un blitz effettuato nel 2017.

In quel caso in manette sono finite ben 34 persone e tra questi anche il fratello di Giovanni Lo Porto, operatore umanitario rapito e ucciso in Pakistan durante un’operazione di terrorismo. Il fermato si occupava della gestione della cassa e della distribuzione delle ‘mensilità’ alle famiglie dei carcerati. Mentre il capo del clan Brancaccio era Pietro Travaglia, rampollo di una famiglia storica di mafia che era coinvolta nelle stragi del ’92 e del ’93.

Polizia italiana
Polizia italiana

Mafia, le indagini sul clan Brancaccio proseguono

Le indagini della polizia sul clan Brancaccio proseguiranno nei prossimi giorni. Gli inquirenti potrebbero iscrivere altri nomi sul registro degli indagati e la Procura mettere altri mandati di custodia cautelare. In carcere, fino a questo momento, sono finiti in 25. La loro posizione sarà chiarita a breve con gli interrogatori di garanzia dei magistrati. La lotta alla mafia non si ferma e il blitz odierno lo dimostra.

ultimo aggiornamento: 02-07-2019

X