L’esperimento della Corte d’Assise di uccidere il maiale malato e metterlo nel forno provoca l’ira degli animalisti.

La decisione della Corte d’Assise di uccidere un maiale malato per un esperimento ha scatenato le proteste degli animalisti. La prova dovrebbe essere valutata dal perito il 27 aprile e dovrebbe fornire prove per risolvere un caso.

Il caso in questione è quello dell’imprenditore Mario Bozzoli scomparso. L’esperimento verrà svolto nella fonderia Gonzini di Provaglio, nel Bresciano. Il perito preleverà il dna di un maiale irrimediabilmente malato e poi sarà ucciso. Poi il maiale sarà vestito con indumenti simili a quelli che l’imprenditore indossava la sera della sua scomparsa, e poi gettato in un forno. 

L’esperimento giudiziale ha come obiettivo quello di verificare se il forno brucerò le tracce. L’accusa suggerisce di verificare così il rinvenimento di tracce del cadavere bruciato. Questo è un elemento fondamentale per l’indagine. Secondo gli esperti il maiale è l’animale più idoneo per effettuare la perizia, in quanto ha un profilo biologico più vicino all’essere umano. È stato inoltre previsto che il maiale ucciso dovrà avere un peso simile all’imprenditore scomparso, tra gli 80 e gli 85 chili.

Carabinieri
Carabinieri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Gli animalisti chiedono la liberazione dell’animale

Non la pensano allo stesso modo le associazioni animaliste. Secondo le associazioni non è giusto sacrificare un animale, per quanto malato e destinato alla morte, per perseguire i propri obiettivi giudiziali. Per questo motivo, hanno deciso di protestare e lanciare una petizione su change.org che ha raccolto finora oltre 8.200 firme. “Uccidere una creatura innocente non può essere il modo di risolvere un crimine!” si legge nel testo.

Hanno inoltre organizzato una protesta fuori dalla Corte d’Assise di Brescia. “Per di più una creatura malata… Le associazioni animaliste, come animalisti ma soprattutto come cittadini, chiedono che l’esperimento non venga effettuato e che il maiale venga dato a loro in affidamento. Non sappiamo se per l’esperimento verrà scelto un maschio o una femmina, vorremmo salvarlo e chiamarlo Cuore, come quello che chiediamo di avere per questa creatura“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-04-2022


Covid a Shanghai, l’italiano Alessandro Pavanello: “Condizioni pessime”

“Disegnate i nomi dei compagni che volete morti”, maestra sospesa