Il ministero della Difesa comunica la scoperta di 132 persone morte con segni di tortura.

Una nuova strage e un nuovo eccidio in un’altra città ucraina. A Makariv i soccorritori hanno trovato 132 corpi con chiari segni di tortura. La città nella regione di Kiev è stata liberata da pochi giorni dai soldati russi e sono da poco iniziati i soccorsi. A comunicare la notizia del ritrovamento delle 132 persone prima torturate e poi uccise è il ministero della Difesa ucraino.

Secondo quanto riporta il ministero si tratta di un ritrovamento «un nuovo e mostruoso crimine di guerra». Di queste 132 vittime aveva dato notizia anche il sindaco Toka mentre i soccorritori stanno continuando a cercare tra le macerie. La città di Makariv infatti è semi distrutta e potrebbero esserci altri corpi sotto le macerie provocate dai bombardamenti dell’esercito russo. “Mentre i soccorritori ucraini avanzano nel territorio liberato dagli occupanti russi, vengono scoperti nuovi mostruosi crimini di guerra”, ha scritto si Twitter il ministero.

guerra in Ucraina militare morto, carroarmato
guerra in Ucraina militare morto, carroarmato

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Altri crimini di guerra nella città di Makariv

Ai crimini di Bucha, Borodyanka e Kramatorsk si aggiungono quelli di Makariv appena scoperti dalle autorità ucraine. Davanti a queste nuove scoperte anche il presidente Zelensky ammette di non riuscire più a piangere ma solo ad odiare. “, provo odio verso la Russia, verso i soldati russi. Quando vedo queste immagini davanti ai miei occhi, bambini assassinati senza gambe, senza braccia. È un risentimento, è terribile” ha dichiarato in un’intervista il presidente ucraino.

Ma il governo dell’Ucraina non si arrende. Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba annuncia la creazione di “un archivio online per documentare i crimini di guerra della Russia“. Ci sono prove sufficienti con queste scoperte come aveva annunciato anche il procuratore generale. Anche da parte della Nato e dell’Ue c’è pieno sostegno a processare i responsabili di questi crimini. “Le prove raccolte delle atrocità commesse dall’esercito russo in Ucraina garantiranno che questi criminali di guerra non sfuggano alla giustizia“, ha aggiunto il ministro Kuleba.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 09-04-2022


Quali sono i paesi a rischio attacco dopo l’Ucraina?

Cingolani spiega come (e quando) liberarci dal gas russo