Ondata di maltempo in Piemonte. Un nubifragio ha colpito Vercelli, mentre una bomba d’acqua si è abbattuta nel Biellese.

TORINO – Nuova ondata di maltempo nel Piemonte. Nel pomeriggio di sabato 24 luglio un violento nubifragio ha colpito la città di Vercelli. Come riportato da Sky TG24, le raffiche di vento hanno fatto cadere le lamiere e la struttura in legno di una palestra sulla strada adiacente.

Parti che hanno colpito una vettura, ma fortunatamente il conducente è riuscito a mettersi in salvo e non ha avuto particolari problemi. Nei prossimi giorni il governatore Cirio potrebbe, come successo lo scorso 7 luglio, dichiarare lo stato di emergenza per i danni provocati dal maltempo.

Bomba d’acqua nel Biellese

Non solo Vercelli, ma anche la provincia di Biella ha dovuto fare i conti con una improvvisa ondata di maltempo. Una bomba d’acqua ha colpito il capoluogo piemontese e alcuni comuni limitrofi. Grandinata che ha lasciato chicchi bianchi sull’asfalto, mentre in alcune zone i tetti delle case sono stati scoperchiati dal vento.

Diversi gli interventi dei vigili del fuoco per verificare meglio cosa ha provocato il maltempo. Nelle prossime ore si inizierà a fare i conti dei danni provocati da questa violenta ondata di pioggia e vento.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco

Emergenza incendi in Sardegna

Se il Nord alle prese con la pioggia, la Sardegna sta facendo i conti con la solita emergenza incendi. Nella mattinata di sabato 24 luglio un rogo è divampato in provincia di Oristano. Le fiamme, anche per il vento, si sono divampate avvicinandosi molto pericolosamente alle case.

I vigili del fuoco sono intervenuti anche per evacuare per precauzione delle case. “E’ un disastro – ha detto il sindaco di Santulussurgiu riportato da Fanpage – e abbiamo paura del peggio. Serve il dispiegamento massimo di tutti i mezzi per evitare danni irreparabili”. Le operazioni dei pompieri molto probabilmente andranno avanti per giorni.

ultimo aggiornamento: 24-07-2021


Capri, minibus precipita in una scarpata e finisce su uno stabilimento balneare. Escluso il malore dell’autista

25 luglio 2000, l’incidente del Concorde. Finisce l’era dell’aereo supersonico…