Allo stadio del cricket di Old Trafford la città ha risposto con grande partecipazione all’evento voluto fortemente da Ariana Grande.

Manchester si è risollevata, più forte di prima. Con una festa a suon di note ha detto il suo no, ad altissimo volume, alla paura del terrorismo che l’ha profondamente colpita lo scorso 22 maggio al termine di un concerto di Ariana Grande, costato la vita a 22 giovani. Così, a poche ore dall’ennesimo attentato che ha colpito la Gran Bretagna, quello di ieri a Londra, nella città inglese ha avuto luogo un mega concerto di beneficenza, dal titolo emblematico: ‘One Love Manchester’. Come riportato dall’Ansa, la parata di pop star ha attirato oltre 50mila persone allo stadio del cricket di Old Trafford. Un successo che diviene ancor più roboante dopo i tragici eventi degli ultimi mesi.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Mega concerto a Manchester: controlli e divertimento

Ovviamente, l’attenzione dei controlli all’ingresso è stata maniacale, se non anche invasiva. Tuttavia, all’interno dell’arena l’atmosfera è divenuta quella di un evento di grandissima gioia e allegria, come qualunque altro concerto pop. Entusiasmo al culmine quando sul palco è salita proprio Ariana Grande, che fortemente è voluta tornare a Manchester a pochi giorni dal trauma per questo concerto benefico. Con lei sul palco si sono avvicendati artisti di fama internazionale quali Justin Bieber, Katy Perry, Miley Cyrus, i Colplay, i Take That, Pharrell Williams e Robbie Wlliams. Tutti insieme per dire no a una paura che talvolta, come ieri a Torino, può diventare ancor più pericolosa delle esplosioni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-06-2017


Londra, 12 le persone arrestate. May: “Terrorismo chiama terrorismo”

Il terrorismo islamico colpisce anche in Australia: due morti a Melbourne