Sabato di tensione a Parigi. Migliaia di ‘gilet gialli’ si sono ritrovati sugli Champs-Elysees. Lanci di lacrimogeni e scontri con la polizia.

PARIGI (FRANCIA) – Alta tensione a Parigi. Puntuali come un orologio svizzero i gilet gialli sono arrivati sugli Champs-Elysess per protestare contro il caro benzina. Migliaia i manifestanti che sono in arrivo nella capitale transalpina per il corteo previsto per le 14 di sabato 24 novembre.

‘Gilet Gialli’ a Parigi, scontri sugli Champs-Elysees

In attesa dell’inizio della manifestazione autorizzata, alcuni dei gilet gialli hanno provato a forzare i blocchi della polizia per dirigersi verso la zona dell’Eliseo, anche senza il permesso di transito. Inevitabile lo scontro con la Gendarmerie che ha visto anche il lancio di diversi fumogeni.

Alcuni partecipanti sono stati fermati dagli inquirenti e nelle prossime ore saranno identificati. La Prefettura ai microfoni di AFP conferma gli scontri ma al momento “nessuno dei manifestanti è riuscito ad entrare nella zona vietata“.

Dopo ore di scontri e lanci di fumogeni, gli Champs-Elysees sono stati evacuati.

La situazione di allerta resta per tutta la giornata di oggi, visto che gli ultimi cortei hanno provocato diversi morti e feriti.

Manifestazione gilet gialli Francia
Fonte foto: https://twitter.com/notiveri

La protesta dei ‘gilet gialli’: un uomo minaccia di farsi saltare in aria

Sono state ore di alta tensione in tutta la Francia. Mentre a Parigi erano in corso i vertici di sicurezza per la manifestazione odierna, uno dei gilet gialli si è asserragliato in un centro commerciale di Angers minacciando di farsi esplodere. Un gesto condannato dagli altri manifestanti.

L’uomo alla fine si è arreso alle teste di cuoio che avevano circondato ed evacuato la zona. Il fermato in passato era già stato arrestato dalle forze dell’ordine per spaccio.

Di seguito il video con gli scontri a Parigi

https://www.facebook.com/localteamtv/videos/589270561499185/

fonte foto copertina https://twitter.com/global_project


Migranti, gommone in difficoltà davanti alla Libia: soccorse 120 persone

Poliziotto uccide 21enne scambiandolo per un criminale. Dopo 24 ore le scuse della polizia: è stato un errore