Mike Manley lascia Stellantis. Il manager, subentrato a Marchionne, ha deciso di sposare il progetto di AutoNation.

TORINO – Mike Manley lascia Stellantis. Dopo le indiscrezioni dei mesi scorsi, il manager ha confermato la propria intenzione dal 1° novembre di abbandonare il ruolo di capo dell’America del gruppo e accettare la proposta avanzata da AutoNation come amministratore delegato.

Il gruppo ha deciso di non affidare questo ruolo ad un nuovo manager, ma Mark Stewart e Antonio Filosa riporteranno direttamente a Carlos Tavares tutte le decisioni. Sicuramente una scelta particolare fatta da una società in continua crescita e che in futuro spera di riuscire a diventare leader del settore.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Tavares: “Abbiamo una visione comune”

Tavares nel suo messaggio nei confronti di Manley ha confermato di “avere avuto la fortuna di conoscerlo prima come concorrente, poi come partner e collega nella creazione di Stellantis, ma sempre come amico. Fin dai primi giorni, abbiamo condiviso una convinzione e un impegno davvero comuni ed è su queste solide basi, costruite nel corso degli anni, che Stellantis ha realizzato i suoi primi risultati impressionati […]“.

Automotive
Automotive

Elkann: “Una collaborazione durata 20 anni”

Come riportato da La Repubblica, Elkann ha voluto ringraziare per questi 20 anni Manley. Ricordiamo che il manager ha preso la guida di Fca (prima della nascita di Stellantis) subito dopo la morte di Marchionne. “Voglio ringraziare Mike – ha detto il presidente Stellantis – per tutto quello che ha fatto con noi in questi 20 anni. Una collaborazione passata alla guida di Jeep, fondamentale per la trasformazione del brand, e poi in qualità di amministratore delegato di Fca ha portato l’azienda a raggiungere risultati record in uno dei periodi più difficili della sua storia. Lavorando a stretto contatto con Carlos, è stato determinante nella creazione e nel lancio di Stellantis. Ora gli auguriamo il meglio nel suo nuovo ruolo”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-09-2021


Ocse, frena la crescita. In Italia Pil quasi al 6 per cento nel 2021

Modificato il decreto Green Pass, non c’è la sospensione per i lavoratori senza certificazione