Manovra, Luigi Di Maio: “A nome del governo smentisco una riduzione del deficit”. E sul decreto fiscale: “Daremo due copie a Salvini così non sbaglierà più”.

Nonostante le bocciature ricevute sulla manovra e nonostante il contrasto interno, il governo va avanti per la propria strada. A confermarlo è stato il vicepremier Luigi Di Maio prima dell’inizio del Consiglio dei Ministri convocato da Conte per far luce sul decreto fiscale.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Manovra, Luigi Di Maio: “Smentisco una riduzione del deficit, resta al 2,4%”

A nome del governo smentisco che si sia pensato a una riduzione del deficit che resta al 2,4%. Se dovessimo ridurlo non avremmo la riforma alla Fornero, il reddito di cittadinanza” ha puntualizzato Luigi Di Maio ai microfoni presenti all’ingresso di Palazzo Chigi.

Luigi Di Maio
fonte foto https://www.facebook.com/ridisorridiecondividi/

Decreto fiscale, Luigi Di Maio: “Daremo due copie a Salvini così non sbaglierà più. L’articolo 9 non è mai stato letto”

Di Maio ha parlato anche del Decreto fiscale e del condono chiarendo di aver trovato l’intesa con “gli amici ritrovati” della Lega: “Ora smettiamola con il dire che c’è panna montata. Non la buttiamo in caciara, togliamo di mezzo il condono per gli evasori e andiamo avanti […]. Ci fa molto piacere e siamo felici del no della Lega al condono. Sono amici ritrovati“.

Oggi c’è un importante Consiglio dei ministri in cui chiariremo la questione del condono – ha proseguito Di Maio come riportato dall’ANSA. Daremo due copie del testo a Salvini, così non si sbaglierà più: l’articolo 9 non è mai stato letto. Ma ora smettiamola e andiamo avanti senza condono“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 20-10-2018


Decreto fiscale, Conte avverte: nessun aiuto agli evasori

Decreto fiscale, Salvini: “Chiederò una copia”