Manovra, Di Maio: “Per mantenere le promesse attingiamo al deficit”

Il vice premier Di Maio invita ancora il ministro Tria a non aver paura: “Ho fiducia in lui e nel gioco di squadra“.

Dopo il pressing di ieri, il vice premier Luigi Di Maio torna a parlare del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, e della manovra economica. Queste le sue parole, rilasciate ai giornalisti durante il soggiorno in Cina e riportate dall’Ansa: “Ho piena fiducia nel ministro dell’Economia Giovanni Tria per quello che sta facendo e ho piena fiducia nel gioco di squadra che stiamo facendo come governo“.

Manovra, Di Maio: “Attingiamo al deficit

Il ministro dello Sviluppo economico ha quindi chiarito: “Queste sono le tre priorità: flat tax, reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero. Le metteremo nella legge di Bilancio, sì. Si attinge a un po’ di deficit per poi far rientrare il debito l’anno dopo o tra due anni, tenendo i conti in ordine e senza alcuna manovra distruttiva dell’economia. Un governo serio, che ha fatto promesse, non può aspettare due o tre anni per mantenerle“.

Di Maio e la sburocratizzazione

Sono dei mesi particolari“, ha proseguito il leader del M5s, “io ho lasciato una settimana molto particolare in Italia: nulla è semplice, ma sicuramente alla legge di Bilancio ci saranno dei collegati molto importanti che riguardano la sburocratizzazione, la semplificazione del codice degli appalti, il fondo del venture capital per le start up innovative misto pubblico-privato“.

Dibattito nel ministero dell’Economia

Intanto, il ministro Tria ha ribadito di avere intenzione di mantenere il deficit all’1,6%. Una soluzione che non convince la vice ministra dell’Economia, Laura Castelli, che a Radio Capital ha dichiarato: “Vorrebbe dire non fare quasi niente, a meno che non si facciano solo tagli“.

LUIGI DI MAIO
LUIGI DI MAIO

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/Trading.Finanza/

ultimo aggiornamento: 19-09-2018

X