Il Cdm ha approvato il testo che contiene oltre 38 miliardi di interventi. Il ministro Gualtieri: “Risorse importanti, in arrivo altre misure”.

ROMA – Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha espresso tutta la sua soddisfazione dopo l’approvazione in Consiglio dei ministri della manovra economica pari a circa 38 miliardi. Di questi, 22 saranno a deficit mentre 16 verranno dalla Ue attraverso Recovery Fund, Fondo React-Ue e Fondo Sviluppo Rurale.

Manovra economica, gli interventi

Il Cdm ha infatti approvato il testo della legge di Bilancio. La maxi Manovra da 38 miliardi di euro, che aveva ricevuto un via libera salvo intese circa un mese fa, è ora attesa in Parlamento. Aumentano i fondi per gli asili nido e vengono stanziate risorse aggiuntive per il potenziamento delle strutture comunali. Si tratta di 100 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023, 200 milioni nel 2024, 250 milioni per il 2025 e 300 milioni di euro annui dal 2026.
La deroga sul rinnovo dei contratti a tempo determinato, introdotta dal decreto rilancio fino a fine 2020, viene prorogata fino al 31 marzo 2021.
Per il Mezzogiorno viene prorogato al 31 dicembre 2022 il credito d’imposta esistente per gli investimenti nelle Regioni del Sud.

Roberto Gualtieri
fonte foto https://www.facebook.com/roberto.gualtieri.eu/

Gualtieri: “In arrivo altre risorse”

Ci sono risorse per la sanità, le imprese, il lavoro, e in più un forte investimento sull’occupazione femminile e sul Sud“, esulta sui social il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che conferma il fondo pluriennale da 50 miliardi per gli investimenti pubblici e rilancia: “Nelle prossime settimane sono in arrivo nuove misure“. La Manovra, spiega in serata ai sindacati, sarà “rafforzata e va letta d’intreccio con il Recovery Plan che stiamo finalizzando, e con i decreti Ristori“.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
aiuti coronavirus governo manovra economia News roberto gualtieri

ultimo aggiornamento: 17-11-2020


Decreto ristori, le categorie escluse

Calabria nel caos, Gaudio rinuncia alla nomina: ‘Motivi personali’