Incontro tra Draghi e i partiti sulla manovra. Ad aprire il giro di vertici è stato il MoVimento 5 Stelle.

ROMA – Primo incontro tra Draghi e i partiti sulla manovra. Nella giornata di lunedì 29 novembre il premier italiano ha incontrato il M5s per cercare di blindare la legge di bilancio. I colloqui proseguiranno nei prossimi giorni e si concluderanno definitivamente mercoledì 1 dicembre.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

M5s: “Riunione serena e proficua”

Subito dopo l’incontro, i pentastellati hanno rilasciato delle brevi dichiarazioni ai giornalisti presenti fuori da Palazzo Chigi. “La riunione è stata serena e proficua – ha ammesso Patuanelli citato dall’Ansa condividiamo i principi della legge di bilancio che utilizza gli spazi di crescita in modo espansivo per sostenere le nostre aziende e abbiamo segnalato alcuni aspetti migliorabili nel percorso parlamentare, come quello del Superbonus al 110% e il bonus edilizi. Abbiamo, inoltre, segnalato che il limite Isee sulle abitazioni monofamiliari è molto restrittivo e speriamo di superarlo. I controlli sono sicuramente da fare verso i furbetti ma bisogna dare certezze […]“.

E sul reddito di cittadinanza ha commentato: “Draghi è d’accordo con noi, la misura non si tocca. Noi come MoVimento siamo stati protagonisti delle correzioni introdotte nella manovra, ma ora non vogliamo ulteriori modifiche nel percorso parlamentare […]“.

Stefano Patuanelli
Roma 05/09/2019 – cerimonia della Campanella / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Stefano Patuanelli

Lega e Forza Italia attesi a Palazzo Chigi

Gli incontri proseguiranno nella giornata di martedì 30 novembre con Lega, Partito Democratico e Forza Italia. Dal Carroccio hanno ribadito la necessità di “partecipare alla sperimentazione del Nucleare di quarta generazione utile e pulito anche perché come Paese ha bisogno di autosufficienza energetica. In questo incontro ribadiremo il nostro impegno per la riduzione delle bollette […]“.

E Tajani ha aggiunto: “Come FI chiederemo di aumentare la cifra di 8 miliardi destinati alla riduzione della pressione fiscale destinando a questa misura i soldi risparmiati dal reddito di cittadinanza attraverso dei controlli più stringenti“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-11-2021


Caso Juve, il Codacons chiede la retrocessione e la revoca degli Scudetti vinti negli ultimi anni

Cambio ai vertici di Twitter. Si dimette Jack Dorsey, Parag Agrawal il nuovo Ceo