Arriva dalla Svizzera una terapia sperimentale che potrebbe consentire a Manuel Bortuzzo di tornare a camminare.

Si riaccende la speranza per Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore rimasto ferito in seguito a una sparatoria in un quartiere alla periferia di Roma. Una tecnica studiata in Svizzera potrebbe consentire al giovane di tornare a camminare nonostante la lesione spinale.

Una terapia sperimentale potrebbe consentire a Manuel Bortuzzo di tornare a camminare

Stando a quanto riferito non senza le precauzioni del caso, una tecnica di stimolazione elettrica del midollo spinale potrebbe consentire a Manuel Bortuzzo di riprendere a camminare. La tecnica avrebbe già guarito tre persone paraplegiche ma questo non significa che la terapia possa avere effetto anche sul diciannovenne.

Manuel Bortuzzo
Manuel Bortuzzo

Le dichiarazioni di Gregoire Courtine ai microfoni dell’Ansa

L’ipotesi è stata presentata da Grégoire Courtine, il capogruppo del team del Politecnico Federale di Losanna che ha messo a punto la tecnica.

“È prematuro parlarne ma potenzialmente Manuel potrebbe rispondere al trattamento”. La sperimentazione partirà solo nel 2020 e se i risultati dovessero essere convincenti anche Manuel potrebbe essere inserito nella lista dei parenti sperimentali. Dal gruppo di Losanna hanno voluto specificare che nessuno ha conosciuto personalmente il giovane nuotatore e che la speranza è figlia di ipotesi e semplici valutazioni mediche.

Come funziona la STImulation Movement Overground

La Stimo (STImulation Movement Overground) trasmette impulsi elettrici al midollo spinale senza fili. La tecnica avrebbe portato a sensibili miglioramenti del quadro clinico di sei pazienti, tre dei quali sono tornati a camminare in maniera autonoma.


Incendio in appartamento a Taranto, due morti

Lutto nel mondo della pallamano, è morto il portiere del Bolzano