Marco Dimitri è morto all’età di 58 anni. E’ stato il capo della setta dei Bambini di Satana.

BOLOGNA – E’ morto Marco Dimitri. Il capo della setta dei Bambini di Satana si è spento all’età di 58 anni a Bologna nella notte tra il 12 e il 13 febbraio 2021. La famiglia ha preferito mantenere il massimo riserbo sulle cause del decesso.

L’uomo è stato protagonista di una controversa inchiesta giudiziaria negli anni ’90. Diverse accuse nei suoi confronti da parte del pubblico ministero Lucia Musti, tutti reati che sono stati assolti nei vari gradi di giudizio.

Chi era Marco Dimitri

Marco Dimitri è stato uno dei protagonisti delle vicende giudiziarie degli anni ’90. L’uomo, insieme a Gennaro Luogo e altri quattro satanisti, è finito nel mirino della Procura di Bologna per presunte violenze sessuali su un bambino e stupro su una minorenne dopo aver averla narcotizzata.

Un lungo percorso giudiziario che si è conclusa con l’assoluzione degli imputati. I sei satanisti, come riportato da La Repubblica, erano stati accusati anche di aver profanato tombe e di aver orchestrato dei rituali satanici utilizzando resti umani. Anche in questo caso il lungo procedimento giudiziario si è chiuso con l’assoluzione delle persone coinvolte.

Ambulanza
Ambulanza

Marco Dimitri morto

La notizia della morte di Marco Dimistri è stata data dai media italiani nella giornata di sabato 13 febbraio. La scomparsa è avvenuta nella notte precedente. La famiglia ha preferito non comunicare le cause del decesso.

Una scomparsa che chiude una pagina di storia del nostro Paese. Il 58enne è stato il capo della setta dei Bambini di Satana. Una vicenda che si è conclusa con l’assoluzione dopo 400 giorni di carcere. Detenzione ingiusta che ha portato l’uomo a ricevere un indennizzo nel 2004 di 100mila euro. Una cifra più alta rispetto a quanto chiesto dal procuratore generale che aveva quantificato il risarcimento in 50mila euro.


Maxi incidente sulla Torino-Bardonecchia, più di venti auto coinvolte

Maltempo in Italia, diversi disagi da Nord a Sud. Valanga sul Cimone: un morto