Marco Tasca nuovo arcivescovo di Genova. Il frate francescano succede al cardinale Angelo Bagnasco.

GENOVA – Marco Tasca è il nuovo arcivescovo di Genova. Il frate francescano è stato nominato dal Vaticano come successore del cardinale Angelo Bagnasco. L’arcivescovo emerito del capoluogo ligure ha deciso di mantenere l’incarico di capo della Conferenza episcopale europea”.

Marco Tasca: “Il cuore è sempre aperto all’ascolto e all’accoglienza”

Subito dopo la nomina il nuovo vescovo di Genova ha voluto inviare un messaggio alla comunità del capoluogo ligure.

Cari fratelli – scrive Padre Marco Tasca – fin da questo momento chiedo a Dio che la mia missione tra voi sia caratterizzata dalla costante ricerca della comunione, del dialogo e della relazione fraterna. Porto con me, come povera dote ciò che ho cercato di imparare e di vivere in questi ormai quasi quarant’anni di vita religiosa francescana, che si riassume nella fraternità. Come vostro vescovo, desidero essere padre e fratello, con il cuore sempre aperto all’ascolto e all’accoglienza tanto di coloro che verranno bussare alla mia porta“.

Padre Marco Tasca
Padre Marco Tasca (fonte foto https://twitter.com/UCSCEI)

Chi è Padre Marco Tasca

Nato a Sant’Angelo di Piove di Sacco (Belluno) il 9 giugno 1957 (Gemelli), Marco Tasca ha fatto il noviziato presso la Basilica di Sant’Antonio di Padova prima di prendere i voti nel 1981 e due anni dopo è arrivato l’ordine di sacerdote.

Una lunga esperienza nel mondo francescano e nel 2001 il capitolo provinciale ordinario lo ha eletto custode capitolare e guardiano del convento di Camposampietro. Nel 2005 è diventato ministro provinciale mentre il 29 gennaio 2013 è stato ordinato ministro generale dell’Ordine dei Frati Conventuali con il mandato scaduto il 25 maggio 2019. Ora per il padre un nuovo incarico molto importante e delicato in una città ferita dal crollo del Ponte Morandi e da una ripartenza che sembra essere ormai alle porte.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://twitter.com/UCSCEI


Protezione Civile chiede di prorogare lo stato di emergenza sanitaria fino a gennaio

Coronavirus, boom del banco dei pegni: +30 per cento da inizio del lockdown