Nata a Montevarchi il 24 gennaio 1981, Maria Elena Boschi è una fedelissima di Matteo Renzi, di cui è stata ministro.

Maria Elena Boschi arriva a 40. L’ex ministra e sottosegretaria di Palazzo Chigi è infatti nata il 24 gennaio 1981 a Montevarchi, in provincia di Arezzo.

Famiglia e formazione

I genitori sono il padre Pierluigi, dirigente bancario, e la madre Stefania, dirigente scolastico. Maria Elena Boschi è di formazione cattolica. Laureata in Giurisprudenza a Firenze con il massimo dei voti, ha lavorato come avvocato civilista specializzata in diritto societario e dell’impresa, diritto delle società quotate e diritto bancario presso lo studio legale di Umberto Tombari.

Gli esordi in politica e l’incontro con Renzi

Inizia l’attività politica sostenendo il dalemiano Ventura alle Primarie per sindaco di Firenze. Invece la spunta Matteo Renzi. Nonostante ciò, la carriera della Boschi spicca il volo, perché il futuro leader del Partito Democratico la vuole al suo fianco, come consigliera giuridica. E’ una dei “rottamatori”.

https://www.youtube.com/watch?v=2MIVgNQXh7k

Maria Elena Boschi al Governo

Diventa parlamentare nel 2013. Pochi mesi dopo Renzi vince le Primarie del Partito Democratico. Il 21 febbraio 2014, a seguito alla caduta del Governo Letta, è nominata ministro senza portafoglio per le riforme costituzionali e per i rapporti con il Parlamento nel governo Renzi. Metterà il proprio nome alla Riforma Costituzionale che tuttavia verrà respinta dal voto popolare.
Il 12 dicembre 2016 diventa Sottosegretaria di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri con funzioni di segretario del Consiglio dei Ministri nel governo Gentiloni, diventando la prima donna ad aver mai ricoperto l’incarico.

Capogruppo di Italia Viva

Il 17 settembre 2019 lascia il Partito Democratico seguendo Renzi in Italia Viva, di cui assume il ruolo di capogruppo alla Camera dei deputati.


Crisi di governo, Conte prende tempo. Slitta di un giorno il voto del Senato sulla relazione di Bonafede?

Vaccini Covid, Conte: “Preoccupati da ritardi. Pronti ad azioni legali”