Maria Elena Boschi perseguitata da uno stalker. L’esponente di Italia Viva ha presentato una denuncia.

ROMA – Maria Elena Boschi perseguitata da uno stalker. Secondo quanto scritto da Il Messaggero, l’esponente di Italia Viva nei giorni scorsi si è presentata in Procura a Roma per presentare una denuncia.

Gli inquirenti stanno effettuando tutti gli accertamenti del caso per avere maggiori informazioni su quanto accaduto e risalire all’identità di questa persona.

Maria Elena Boschi perseguitata da uno stalker

Da settimane Elena Maria Boschi sta ricevendo mail sgradevoli, attacchi sul suo profilo Instagram e tentativi di chiamate alla sua segreteria da parte di uno sconsciuto.

Episodi che hanno portato l’esponente di Italia Viva di presentare una denuncia alla Procura di Roma. Attivata tutta la procedura prevista dal Codice Rosso. Nei giorni scorsi l’ex ministra è stata ascoltata dagli inquirenti per ricostruire meglio quanto successo. Non sarà semplice risalire all’identità dello stalker, ma sono in corso tutti i controlli per accertare meglio quanto successo e provare a fermare il presunto molestatore.

Maria Elena Boschi
Maria Elena Boschi

Il precedente

Non è la prima volta che Maria Elena Boschi finisce nel mirino di uno stalker. Durante il governo Gentiloni, infatti, un uomo l’ha presa di mira perseguitandola per diverso tempo nel 2017. In quel caso, però, l’uomo è stato identificato e condannato a due anni e due mesi di carcere. Una sentenza che ha chiuso definitivamente la vicenda.

Ora, però, un nuovo fascicolo aperto da parte della Procura di Roma. Diversi i punti da chiarire. Gli inquirenti stanno effettuando tutti gli accertamenti del caso per risalire all’identità della persona. Il procedimento, in caso di fermo, dovrebbe essere molto simile a quello precedente e per questo l’uomo rischia una condanna ad oltre due anni. Una vicenda che l’esponente di Italia Viva spera di poter mettersi il prima possibile alle spalle.


I genitori di Matteo Renzi a processo per bancarotta fraudolenta

Crisi Pd, Letta prende tempo: “Ho bisogno di 48 ore per decidere”