Maserati 160 TL: la prima moto

Nei primi anni Cinquanta la Casa del Tridente decise di acquisire la Italmoto e ampliare la propria produzione alle motociclette. Nacque così la Maserati 160 TL.

Non tutti sanno che la Maserati è stata, fino a tutti gli Anni Cinquanta, anche un apprezzato produttore di candele ed accumulatori, sia per auto sia per moto, e a partire dal 1953 anche una solida realtà motociclistica attiva fino al 1960. Ciò avvenne con l’acquisizione della bolognese Italmoto, che dal 1952 costruiva una moto di 160 cc. a quattro tempi, con cambio a quattro velocità e sospensioni teleidrauliche. Proprio tale modello fu il primo a fregiarsi del marchio del Tridente. L’esemplare, N1 fa parte della collezione Righini.

La Tipo L/160/T4 Turismo Lusso è una robusta monocilindrica a quattro tempi di 158 cc di cilindrata (alesaggio e corsa: 60 x 56 mm). Il motore dispone di una potenza di 7,5 CV a 5500 giri/ min. Classica moto dell’epoca destinata a un impiego a tutto campo, sia per il lavoro sia per lo svago, come unica particolarità di rilievo sfoggia le sospensioni teleidrauliche che miglioravano sensibilmente il comfort di marcia. Con una velocità massima di poco superiore ai 100 km/h e un consumo di carburante estremamente ridotto, era adatta anche al turismo.

In un periodo in cui in Italia l’industria e il mercato della moto vivevano un vero e proprio boom, la Maserati 160 TL ottene un buon successo di vendita. Fu prodotta, sostanzialmente invariata dal 1954 al 1959.

Come certificato dalla targhetta sul cannotto di sterzo, l’esemplare della collezione Righini, targato Bologna, è la N1, la prima con il marchio Maserati. Questo la rende un ambito pezzo da collezione.

Foto Paolo Maggi

m1
Le sospensioni teleidrauliche erano un vero “lusso” per l’epoca.
m3
La Maserati 160 TL segnò il debutto della Casa del Tridente nel settore moto che all’epoca andava a gonfie vele.
m4
La targhetta sul cannotto di sterzo certifica che si tratta della Maserati moto N1.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 20-02-2015

Enzo Caniatti

X