Le parole dell’ex ds rossonero sul momento nero del Milan: “Basta vivere di ricordi, bisogna guardare al presente”.

Ai microfoni fi Top Calcio 24, l’ex direttore sportivo del Milan, Massimiliano Mirabelli, ha parlato del momento della squadra rossonera: “Non mi sarei aspettato questa situazione. Il Milan ha una società forte e mi sarei aspettato rinforzi ogni anno e risultati diversi. Giampaolo è uno degli allenatori più bravi, ma quando prendi Giampaolo devi sapere quale gioco vuole fare”.

“Lui gioca sempre col 4-3-1-2 – ha aggiunto il dirigente – per alcuni sono solo numeri ma non è cosi: devi avere i giocatori giusti per fare bene. Suso è uno dei migliori esterni, ma non può fare il trequartista. Forse non è stato fatto un mercato consono a quello che l’allenatore voleva, questa squadra è costruita per il 4-3-3 non per il 4-3-1-2″.

Mirabelli, dunque, ne fa una questione di… mercato. O meglio, di scelte sbagliate in sede di campagna acquisti: “Non è possibile – ha affermato – che il Milan, ad oggi, si trovi in zona retrocessione. Il 4-3-3 è una forzatura di Giampaolo, è costretto a utilizzarlo dal momento che è senza interpreti del suo modulo. Così farà fatica a fare il suo gioco. Ma questo non vuol dire che Giampaolo sia un cattivo allenatore. Sarri a Napoli, all’inizio, si è trovato nella stessa situazione, più o meno”.

Massimiliano Mirabelli
Fonte foto: Fonte foto: https://www.facebook.com/ACMilan/

Massimiliano Mirabelli: “Milan, non servono le bandiere”

Nel corso dell’intervista, l’ex ds milanista ha parlato anche della sua gestione: “Quando ho scelto Gattuso, mi diedero tutti del pazzo ma a volte ci vuole coraggio. Esonero Montella? All’epoca valutammo bene, non era solo un problema di risultati, ma di condizione fisica della squadra. Lui ha anche avuto dei benefici poi”.

“Se il Milan vuole tornare ad essere il Milan deve smetterla di vivere di passato, deve pensare solo di presente. Io in undici mesi ho sentito solo le “bandiere”, io vedo la Juve che stravince con manager e non con bandiere. Simile l’Inter. Il Milan ha vinto tanto ma se vuole mettersi in corsa – ha concluso Massimiliano Mirabelli – deve guardare più alle cose concrete e al presente, senza pensare che devi avere allenatori o dirigenti solo perché sono stati al Milan”.

Le immagini di Milan-Fiorentina 1-3:

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 30-09-2019


Serie A, secondo successo per il Parma. Nel finale Inglese manda k.o. il Torino

Milan, fiducia a Giampaolo… ma a termine. Genoa ultima spiaggia