Massimo D’Alema positivo al coronavirus. L’ex premier è asintomatico ed è in isolamento a casa.

ROMA – Massimo D’Alema positivo al coronavirus. L’ex premier, contattato dai microfoni dell’Ansa per commentare il caso Lula, ha ammesso di aver contratto il Covid-19. “Sono in isolamento in casa, ma sto bene e sono asintomatico. L’unica scocciatura è dover stare chiuso in casa“.

Nelle prossime ore il politico si sottoporrà ad un secondo tampone per verificare se è ancora positivo. La carica virale, infatti, è molto bassa e non sembrano esserci particolari problemi di salute.

Massimo D’Alema positivo al coronavirus

La positività al coronavirus Massimo D’Alema l’ha scoperta prima di partire per un viaggio. Visto l’impegno, l’ex premier ha deciso di sottoporsi ad un tampone in modo precauzionale per evitare problemi.

Il risultato, però, è stato positivo e sono scattate tutte le misure previste in questi casi. La carica virale bassa ha permesso al politico di non avere particolari problemi. Nei prossimi giorni saranno effettuati i test per verificare una eventuale negatività. Il quadro clinico, comunque, è tenuto sotto controllo da parte dei medici.

Coronavirus
Coronavirus

Come sta Massimo D’Alema

Condizioni di salute buone per l’ex premier. E’ asintomatico e si trova in isolamento domiciliare in attesa di ulteriori controlli medici per verificare una eventuale negatività vista anche la carica virale bassa.

Sono scattate tutte le misure previste in questi casi. I contatti stretti immediatamente posti ai test per verificare una possibile positività, ma non sembrano esserci altri casi. Le condizioni di D’Alema, comunque, sono sempre sotto controllo anche per l’età. Il quadro clinico è buono e, fino ad ora, sono stati registrati particolari problemi per il politico.

Per lui sicuramente un periodo di riposo prima di poter riprendere tutti gli impegni (anche quelli lavorativi). Proprio prima di un viaggio ha scoperto la positività.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 09-03-2021


Casalino: “Nel Pd ci sono cancri da estirpare”. Poi le scuse dell’ex portavoce di Conte

Il Parlamento Ue toglie l’immunità a Carles Puigdemont