Matera, vietato l’uso dell’acqua potabile e scuole chiuse per ordinanza del sindaco. Superati i parametri della presenza dei batteri coliformi.

È stato vietato l’uso dell’acqua potabile a Matera, dove è stato registrato il superamento dei parametri legati alla presenza dei batteri coliformi. Il sindaco Raffaello De Ruggieri ha vietato l’utilizzo dell’acqua potabile e ha disposto la chiusura delle scuole. Il Comune ha annunciato che l’acquedotto Lucano sta comunque disponendo servizi alternativi per la fornitura dell’acqua.

Matera, vietato l’uso dell’acqua potabile e chiuse le scuole per ordinanza del sindaco

Il divieto di utilizzo dell’acqua potabile è stato deciso dopo il documento inviato al Comune dal Dipartimento di prevenzione collettiva della salute umana che ha evidenziato il superamento dei parametri relativi alla presenza dei batteri coliformi alla temperatura di trentasette gradi.

Acquedotto Lucano avvierà servizi alternativi per la distribuzione dell’acqua potabile

Fino a quando il divieto resterà in vigore, Acquedotto Lucano provvederà a consegnare acqua potabile attraverso autobotti o consegnando acqua in bottiglia. Stando alle previsioni e soprattutto stando alla criticità della situazione, i lavori di depurazione e sostituzione degli acquedotti dovrebbero esaurirsi in poco tempo limitando dunque i disagi per la popolazione. Il provvedimento comunale ha comunque carattere preventivo.

Cosa sono i batteri coliformi?

I batteri coliformi appartengono alla famiglia delle Enterobacteriaceae  e sono considerati indicatori dell’inquinamento. In base alla loro presenza è possibile stabilire l’inquinamento o meno degli ambienti idrici, dove si valuta la presenza dell’Escherichia coli, un marcatore che indica il grado di contaminazione dell’acqua dovuta da materia fecale umana o animale.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
acqua acqua potabile evidenza matera News

ultimo aggiornamento: 19-10-2018


Nubifragi a Catania, strade chiuse per allagamenti

Ilaria Cucchi: “Il generale Nistri vuole colpire tutti coloro che hanno parlato”