Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha parlato alla sessantesima edizione del Salone del Mobile di Milano.

Le piccole e medie imprese italiane sono state danneggiate fortemente dalla pandemia: i processi produttivi, il rapporto con i consumatori e la possibilità di reperire materie prime sono stati dei problemi monumentali da affrontare. Ora che la pandemia è in fase calante, si può tornare a sperare. Anche il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, ha parlato alla sessantesima edizione del Salone del Mobile di Milano, lanciando un messaggio di sostegno nei confronti delle realtà italiane legate al mondo dell’imprenditoria.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del presidente della Repubblica

“Sono lieto di inviare il mio saluto ai partecipanti alla sessantesima edizione del Salone del Mobile.Milano che, dopo le sofferte restrizioni dovute alla pandemia, segna il ritorno a un appuntamento di rilievo assoluto in un settore significativo dell’economia nazionale ed elemento di punta del Made in Italy. È una affermazione di coraggio e tenacia che va apprezzata”. Queste le parole del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio per la presidente del Salone del Mobile di Milano, Maria Porro.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Mattarella ha continuato, asserendo che “la filiera del legno e dell’arredamento è caratterizzata da elevata competitività, alta intensità di innovazione e affermata efficienza organizzativa e costituisce un ambito nel quale la creatività delle piccole e medie imprese italiane raggiunge costantemente una delle sue massime espressioni. Stando a Mattarella, “ne sono dimostrazione le tante creazioni che ogni anno riscuotono successo nei mercati globali e contribuiscono a rafforzare l’immagine dello stile italiano nel mondo”. Questo il discorso del capo dello Stato.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-06-2022


Calenda vorrebbe allearsi con Renzi, ma Italia Viva non risponde

L’alleanza possibile tra Renzi e Calenda