Mattarella avvisa Bruxelles: "Rivedere il patto di stabilità"

Mattarella avvisa Bruxelles: “Serve una cooperazione internazionale”

Mattarella avvisa Bruxelles: “Rivedere il patto di stabilità per rilanciare gli investimenti e aprire una nuova fase”.

ROMA – Il presidente Sergio Mattarella avvisa Bruxelles. Nel messaggio inviato al Forum Ambrosetti il Capo dello Stato chiede all’Unione Europea di rivedere le regole del Patto di Stabilità per “aprire una nuova fase e rilanciare gli investimenti in infrastrutture, reti, innovazione, educazione e ricerca“.

L’inquilino del Quirinale inoltre si aspetta “passi avanti per una fiscalità europea che elimini forme di distorsione concorrenziale e affronti invece il tema della tassazione delle grandi imprese multinazionali, per un sistema equo e corretto“.

Mattarella sull’integrazione: “Un programma per rafforzare il pilastro sociali”

Nel messaggio il presidente Mattarella ha affrontato anche altri argomenti: “L’Italia è chiamata a svolgere un ruolo di primo piano nell’Unione Europea, partecipando con convinzione e responsabilità un progetto europeo lungimirante, sostenibile ed equilibrato. L’inizio della nuova legislatura deve offrire l’opportunità di un programma all’altezza delle aspettative dei cittadini europei che hanno espresso il voto”.

E il Capo dello Stato si è soffermato anche sulle prossime sfide che gli Stati europei dovranno affrontare: “Cambiamenti climatici e demografici, rapide trasformazioni tecnologiche, tensioni politiche e minacce alla sicurezza. All’Unione serve in particolare una stretta cooperazione tra istituzioni e Paesi per rilanciare l’integrazioni, completare il mercato unico e rafforzare il pilastro sociale“.

SERGIO MATTARELLA
fonte foto https://www.quirinale.it/elementi/35276

La reazione della Francia

La Francia ha accolto in positivo le parole del presidente Mattarella: “Noi abbiamo proposto – sottolinea Le Maireun compact per la crescita e credo sia molto vicino alle dichiarazioni del Capo dello Stato“.

Frena, invece, il leader del partito sovranista, Geert Wilvers: “L’aumento del debito si può fare ma non in Europa visto che altrimenti lo pagano gli altri. Se lo vogliono fare Grecia e Italia io non sono contrario ma non ci devono essere conseguenti per gli altri Stati. Non è una cattiva idea ma bisogna farlo fuori dall’UE“.

ultimo aggiornamento: 07-09-2019

X