Sergio Mattarella firma il decreto Ristori bis, che contiene misure da 2,5 miliardi di euro a sostegno delle attività commerciali colpite dalle restrizioni.

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto Ristori bis con le nuove norme a sostegno delle imprese e dei commercianti colpiti dalle restrizioni disposte per contenere la diffusione del coronavirus. Il decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni se non già nelle prossime ore.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Il decreto Ristori bis

Il decreto Ristori bis contiene misure da 2,5 miliardi destinate alla tutela della salute e al sostegno delle attività colpite dalle misure restrittive disposte dal governo.

Il provvedimento in questione segue il primo decreto Ristori, destinato alle attività commerciali colpite dalle prime chiusure. Ora, con la nuova divisione dell’Italia in Aree di rischio, i contributi interessano anche molte delle attività che si trovano in zona arancione e in zona rossa. Parliamo quindi di una platea allargata rispetto a quella inclusa nei primo decreto Ristori.

Soldi euro
Soldi euro

Partiti i primi bonifici

Intanto dal governo comunicano che sono partiti i primi bonifici destinati alle attività commerciali/economiche colpite dall’ultimo dpcm. i bonifici in questione sono quelli per il pagamento dei contributi a fondo perduto destinati alle attività che hanno registrato un calo di fatturato a causa delle restrizioni. I contributi in questione spettano a teatri, cinema, bar e ristoranti, ad esempio.

I bonifici sono destinati ai soggetti che avevano già richiesto e ottenuto i primi fondi. Per chi invece ha avviato la pratica da zero i tempi per il pagamento saranno ovviamente e inevitabilmente più lunghi.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
decreto ristori bis economia roberto gualtieri Sergio Mattarella

ultimo aggiornamento: 10-11-2020


Dal Viagra al vaccino anti-Covid, cosa sappiamo su Pfizer e Biontech

Recovery Fund, accordo raggiunto tra Parlamento e Consiglio Ue