Matteo Messina Denaro potrebbe nascondersi a Dubai. L’indiscrezione è stata rilanciata da ‘Oggi’.

ROMA – Matteo Messina Denaro potrebbe nascondersi a Dubai. Secondo quanto riferito da Oggi, citato dal Corriere della Sera, il latitante sarebbe nella città degli Emirati ormai da molto tempo e la sua presenza sarebbe risaputa anche a Roma in ambienti investigativi e politici.

Il boss, secondo le ultime indiscrezioni, sarebbe quasi irriconoscibile rispetto al passato: ingrassato, quasi completamente calvo, e impossibile da riconoscere. L’indiscrezione non trova, al momento, conferme e nelle prossime settimane ci potrebbero essere importanti novità sulla vicenda.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Nel 2009 Matteo Messina Denaro era in Italia?

Non solo Oggi, anche il TG2 ha pubblicato un video che ritrarrebbe Matteo Messina Denaro in una delle sue uscite. Il filmato risalirebbe al 2009 e il boss di Cosa Nostra si troverebbe in Sicilia. Non si hanno pero certezze e gli inquirenti preferiscono non sbilanciarsi.

L’incontro con Matacena

Nel servizio di Oggi c’è anche una intervista ad Amedeo Matacena, parlamentare di Forza Italia e a Dubai dal 2014 per sfuggire a una condanna a tre anni per concorso esterno in associazione mafiosa: “Ahmedi Youssuf Nidal, cittadino italiano di origine mediorientale, mi ha detto ed è pronto a confermarlo in qualsiasi sede, di essere stato contattato da agenti italiani per aiutarli in una operazione di extraordinary rendition. Dovevano prendermi, caricarmi su un volo privato e riportarmi in patria […]“.

A Dubai – ha aggiunto – sto bene, lavoro come consulente e l’unica cosa che mi pesa è la distanza dai miei affetti. Mia madre e mio figlio avrebbero voluto farmi visita, ma i magistrati sono stati molto chiari. Hanno fatto intendere agli avvocati che i miei familiari non l’avrebbero passata liscia“.

Carabinieri
Carabinieri

Scarcerato Giuseppe Piromalli

Nel giorno dell’indiscrezione su Matteo Messina Denaro, nel Lazio è stato scarcerato Giuseppe Piromalli che ha trascorso gli ultimi 22 anni in carcere in regime di 41 bis.

Un lungo periodo di detenzione prima di ritornare in libertà per fine pena. L’attenzione resta sicuramente alta su di lui e sulla sua famiglia in futuro. Non si esclude, infatti, la possibilità di affari gestiti anche da dentro la cella e nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli approfondimenti del caso.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-09-2021


Caso Regeni, Di Maio: “Alla verità hanno diritto Giulio, la sua famiglia e l’intera Italia”

Fasci littori a Perugia, uno scoperto e uno no: scoppia la polemica