Matteo Renzi nel cda di Delimobil, la più grande società di car sharing in Russia. Il senatore: “Sono molto contento”.

ROMA – Matteo Renzi nel cda di Delimobil, la più grande società di car sharing in Russia. Come precisato dal Corriere della Sera, l’ex premier ha deciso ad agosto di entrare nel consiglio di amministrazione del colosso dell’imprenditore napoletano Vincenzo Trani, a Mosca orma da diversi anni.

La notizia di questo nuovo incarico è emersa durante una procedura di trasparenza avviata da parte dell’azienda. La multinazionale ha precisato che, essendo Renzi indagato per finanziamento illecito e false fatturazioni, in caso di condanna sarà costretto a presentare le dimissioni.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Renzi: “Sono molto contento”

In una nota, citata sempre dal quotidiano italiano, si è detto “molto felice di collaborare all’attività della società Delimobil il cui socio di riferimento, Vincenzo Trani, è un imprenditore molto simato. La prossima quotazione a Wall Street rappresenta una fase di internazionalizzazione importante a livello globale. Il senatore Renzi, da sempre convinto dell’importanza di valorizzare gli imprenditori italiani in tutto il mondo, sarà al fianco del dottor Trani in questa sfida. Ovviamente la presenza nel board rispetta tutte le regole della vigente legislazione italiana“.

Matteo Renzi
Matteo Renzi

L’azienda Demobil fondata da Vincenzo Trani

L’azienda Demobil è stata fondata da Vincenzo Trani e nel primo semestre 2021 ha dichiarato un fatturato di 68,6 milioni di dollari, raddoppiando quanto fatto nello stesso periodo dell’anno precedente. L’ingresso nel Cda di Renzi è l’equivalente di un milione di dollari l’anno.

Non sono mancate polemiche, ma Matteo Renzi nel suo comunicato ha ribadito di aver ribadito tutte le regole presenti in Italia. Come precisato anche dalla stessa azienda, il leader di Italia Viva dovrà fare un passo indietro in caso di condanna visto che le regole di Wall Street su questo tema sono sicuramente molto rigide.

ultimo aggiornamento: 10-10-2021


Speranza avverte, “L’obbligo vaccinale è previsto dalla Costituzione”

Green Pass al lavoro, l’azienda può richiedere i danni a chi non lo ha