Matteo Renzi: “O vincono i populisti, o noi. Dobbiamo smetterla di litigare”

Matteo Renzi ad Imola: “O vincono i populisti, o noi. Non dobbiamo commettere errori”.

chiudi

Caricamento Player...

IMOLA – Festa nazionale dell’Unità ad Imola dove la kermesse è stata chiusa da Matteo Renzi che in riferimento al Movimento 5 Stelle dice: “Alle elezioni o vincono loro, i populisti o vinciamo noi“. “Per evitare il loro successo – dichiara il segretario del Partito Democratico – dovremo evitare di rispondere alle provocazioni. Cercheranno di nascondere i nostri risultati“.

Matteo Renzi: “Non scegliamo il capo sulla base di un principio dinastico. Basta litigi tra di noi”

Matteo Renzi spiega: “Noi non siamo dipendenti di un’azienda privata che fa sotware, ma cittadini di un Paese che si chiama Italia. Non scegliamo il capo sulla base di un principio dinastico ma su quello democratico, votano in milioni a casa nostra“. Il segretario attacca anche la presunta sinistra: “C’è qualcuno che ci ha educato alla bandiera, ditta e alla prima occasione ha lasciato la bandiera e la ditta per un risentimento personale che non ha ragione di esistere. La nostra sinistra è quella di Obama da cui saremo il 31 ottobre e il 1° novembre a Chicago. Non è la sinistra rivendicativa e vendicativa, non la sinistra di Bertinotti che ha rotto il patto di governo e ha fatto vincere la destra“. In conclusione Matteo Renzi ammette: “Dobbiamo uscire dalla modalità litigio, anche sui territori ma soprattutto a livello nazionale. Bisogna finirla con discussioni interne che lasciano il tempo che trovano, quando fuori da noi c’è il rischio di perdere l’occasione di cambiare il Paese. La modalità litigio e divisione tenetela per dopo le elezioni, ora siamo in modalità campagna elettorale“.