Sicurezza, Matteo Salvini contro i negozi per la vendita della cannabis: Vanno sigillati tutti, sono luoghi di diseducazione. Ora passiamo alle maniere forti.

Si apre una nuova crepa all’interno del governo Lega-Movimento Cinque Stelle. In diverse occasioni i pentastellati hanno ribadito la propria idea di proporre una norma per la legalizzazione della cannabis, ipotesi fermamente esclusa da Matteo Salvini. Il leader del Carroccio anzi alza il tiro e afferma di essere intenzionato a chiudere anche i negozi legali che vendono la cannabis light.

Salvini contro i negozi di cannabis: Usiamo le maniere forti, dobbiamo usare tutti i metodi democratici per chiudere questi luoghi di diseducazione

Il Ministro ha parlato dell’emergenza legata alla droga facendo sapere di essere intenzionato a chiudere tutti i negozi per la vendita legale della cannabis light.

“Io non aspetto i tempi della giustizia, la droga è un’emergenza nazionale devastante e dunque dobbiamo usare tutti i metodi democratici per chiudere questi luoghi di diseducazione di massa. Ora usiamo le maniere forti“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Matteo Salvini: Non facciamo sperimentazioni

Il leader della Lega, mandando un messaggio al Movimento Cinque Stelle, ha fatto sapere che l’Italia non è aperta a sperimentazioni in materia.

“La droga è un’emergenza nazionale: da domani darò istruzioni agli uomini della sicurezza per andare a controllare uno per uno i presunti negozi turistici di cannabis. Vanno sigillati uno per uno“.

La presa di posizione netta da parte di Matteo Salvini arriva dopo che il Movimento Cinque Stelle di Roma ha bocciato una proposta leghista per la chiusura dei negozi nei pressi delle scuole e dei parchi.


Elezioni europee, il Pd “punta” su Moscovici

Il governatore De Luca contro Salvini: Il tempo delle sceneggiate è finito