Legge elettorale, Matteo Salvini: "Se si lavora seriamente ci siamo"

Legge elettorale, l’apertura di Salvini al governo: “Se si vuole lavorare seriamente ci siamo”

Matteo Salvini disposto a dialogare con il Pd e il Movimento 5 Stelle per la nuova legge elettorale (sperando di arrivare al voto in primavera).

Legge elettorale, Lega disponibile al confronto. La conferma arriva da Matteo Salvini che ha fatto sapere di essere disposto ad appoggiare il percorso del governo per la formulazione di una nuova normativa sul tema.

Legge elettorale, l’apertura di Matteo Salvini: “Se c’è la volontà di fare seriamente e in fretta in un mese si chiude il discorso. Se si vuole lavorare seriamente ci siamo”

Se c’è la volontà di fare seriamente e in fretta, in un mese si chiude il discorso e si mette a disposizione degli italiani una legge elettorale che garantisce che chi vince governa, basta che questo non sia usato dalla maggioranza per perdere tempo, se si vuole lavorare seriamente noi per scrivere le regole ci siamo“, ha dichiarato Matteo Salvini confermando quindi la possibile apertura al Partito democratico.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/salviniofficial/

Riforma della legge elettorale e poi il voto: la (possibile) strategia della Lega

Proprio sulla riforma della legge elettorale, stando alle indiscrezioni circolate negli ultimi giorni, verterebbe la nuova strategia di Matteo Salvini per tentare il nuovo assalto a Palazzo Chigi.

Dopo il via libera della Cassazione al referendum proposto proprio dalla Lega, Matteo Salvini sarebbe anche disposto ad aprire un dialogo con la maggioranza di governo per stringere i tempi.

Nei giorni scorsi il leader della Lega aveva in qualche modo anticipato la sua strategia. Lo scopo del leader leghista sarebbe quello di trattare con il governo per mettere a punto la riforma della legge elettorale. A quel punto la proposta con rilancio sarebbe quella di andare al voto in primavera.

Il piano di Salvini dovrà fare i conti con la tenuta del governo. Il vertice tra Grillo e Di Maio sembrerebbe aver spostato il MoVimento verso il Partito democratico. Se dovesse nascere una nuova alleanza, potrebbe allungarsi la vita del Conte Bis.

ultimo aggiornamento: 26-11-2019

X