L’indiscrezione da Roma, Salvini pronto a mettere fine al governo con il M5S

“Con il Movimento Cinque Stelle è finita”: il virgolettato attribuito a Matteo Salvini, che ora potrebbe far cadere cadere il governo giallo-verde.

Sulle principali testate giornalistiche e sulle principali agenzie di stampa campeggia il virgolettato attribuito a Matteo Salvini che, a microfoni spenti ma alla presenza di orecchie indiscrete, si sarebbe detto intenzionato a mettere la parola fine al governo con il Movimento Cinque Stelle.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Matteo Salvini, con il Movimento Cinque Stelle è finita?

Con il Movimento Cinque Stelle è finita“, avrebbe dichiarato il leader della Lega come riportato da alcune delle principali agenzie di stampa. Poche parole che dalle parti del Carroccio si sussurrano da tempo ma che fino a questo momento non sono mai state prese veramente in considerazione dal capo del partito.

Il caso Siri è la goccia che ha fatto traboccare il vaso

Ora le cose sarebbero cambiate. Fatale la decisione di Giuseppe Conte su Armando Siri, ma sia chiaro, il caso del sottosegretario leghista sarebbe solo l’ultima goccia che potrebbe aver fatto traboccare il vaso.

Armando Siri
Armando Siri

Lo sgarbo di Conte e la conferenza inaspettata su Armando Siri

Tante, troppe cose non sono state gestite nel migliore dei modi negli ultimi giorni. Di Maio ha pubblicamente attaccato la Lega e Salvini chiedendo le dimissioni di Siri, al centro di un caso di corruzione con possibili risvolti in ambito mafioso. Dal Carroccio è arrivata una levata di scudi in difesa del sottosegretario. Come sempre per provare ad arrivare a una soluzione la patata bollente è arrivata tra le mani di Giuseppe Conte.

Il premier ha voluto incontrare Siri prima di comunicare la sua decisione. Lo ha fatto con una conferenza stampa indetta proprio mentre Matteo Salvini avrebbe dovuto parlare alla stampa dall’Ungheria, dove si era recato per incontrare Orban. Solo un caso?

Giuseppe Conte
Roma 25/05/2018 – consultazioni Quirinale / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte

Nessun passo indietro della Lega: Armando Siri non si dimette

Il leader della Lega ha incassato la decisione del capo del governo, intenzionato a chiedere le dimissioni in Cdm, ma ha deciso di non fare passi indietro. Anzi, Armando Siri non si dimetterà, ha ribadito il vicepremier leghista.

C’è un problema. Conte potrebbe proporre le dimissioni in Cdm, Salvini potrebbe opporsi e allora la decisione potrebbe essere approvata tramite decreto, con il Movimento Cinque Stelle che ha la maggioranza in Consiglio dei Ministri, Scacco matto a Matteo Salvini, a meno che il leader della Lega non abbia deciso di voltare pagina e creare le condizioni per la caduta del governo auspicata dalla base del partito e da molti elettori leghisti che vedono negli alleati di governo un peso non indifferente.

ultimo aggiornamento: 04-05-2019

X