Salvini manda un bacione Saviano e avverte: Stiamo rivedendo il sistema scorte

Matteo Salvini: “Un bacione a Roberto Saviano, stiamo lavorando a una revisione del sistema delle scorte che impegnano oltre 2000 uomini”.

Vinte le elezioni europee, Matteo Salvini ha rilanciato il piano di governo della Lega e ha presentato i prossimi obiettivi del partito con un video pubblicato sulla propria pagina Facebook nel quale ha fatto il punto della situazione sulle prossime mosse del Carroccio.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Matteo Salvini: Un bacione a Saviano, stiamo lavorando a una revisione dei criteri per le scorte

Nel corso del suo intervento Salvini ha parlato anche della revisione delle scorte, discorso introdotto mandando un bacione allo scrittore Roberto Saviano

Un bacione a Saviano. Sto lavorando insieme agli uomini del Ministero dell’Interno e della Polizia di Stato anche a una revisione dei criteri per le scorte che impegnano ogni giorni in Italia più di 2000 uomini e donne delle forze dell’Ordine. Ovviamente non interverrò su casi personali, aggiorneremo dei criteri valutando obiettivamente e tecnicamente dei criteri”.

Di seguito il video nel quale Matteo Salvini ha fatto il punto sui prossimi obiettivi della Lega

Buona serata Amici!Pronte le proposte della Lega per tagliare tasse e burocrazia: solo un’Italia che cresce e lavora aiuta l’Europa a rinascere.

Pubblicato da Matteo Salvini su Mercoledì 29 maggio 2019

Salvini: Non agiremo politicamente, per simpatia o antipatia

Il Ministro dell’Interno ha poi specificato quelli che saranno i criteri per la revisione delle scorte, sottolineando che ovviamente non si tratterà di un’analisi sui singoli casi, onde evitare possibili conflitti di interessi o dubbi.

“Non agiremo politicamente per simpatia o antipatia, è troppo delicato il tema della sicurezza personale. Ci saranno criteri oggettivi per stabilire chi avrà bisogno di più protezione e chi invece non correndo più alcun rischio potrà fare a meno della scorta che potranno dedicarsi alla sicurezza di tutti gli italiani“.

ultimo aggiornamento: 31-05-2019

X