Mattia Binotto su Carlos Sainz: “Nei test invernali alterneremo i piloti e cercheremo di sfruttare al meglio la loro opportunità”.

MARANELLO (MODENA) – Mattia Binotto è convinto che Carlos Sainz migliorerà con il passare delle gare. Le aspettative sullo spagnolo sono diverse, ma il team principal della Rossa preferisce mantenere i piedi per terra: “Si è integrato molto bene – ha ammesso riportato da motorionline.comil suo feedback della macchina agli ingegneri è stato buono e la velocità in pista anche. Sono certo che ci saranno dei miglioramenti giorno dopo giorno. Per vederlo al 100%, però, ci vorrà del tempo. E’ un pilota esperto e sono certo che riuscirà a gestire al meglio la situazione“.

I test invernali

Le difficoltà per Carlos Sainz potrebbero essere causate anche dai pochi test invernali causa pandemia: “Abbiamo solo tre giorni a disposizione – ha detto Binotto – alterneremo i piloti nelle sessioni, cercando di sfruttare al meglio la loro opportunità. Sappiamo che per lo spagnolo sarà una sfida. In questi giorni abbiamo organizzato dei test con le vecchie vetture a Fiorano. Ogni singolo chilometro e dettaglio è molto importante per Carlos per integrarsi con il team e capire tutte le procedure“.

Mattia Binotto
Mattia Binotto

Gli obiettivi della Ferrari nel 2021

A Maranello c’è grande attesa per i test invernali. Tre giorni che potrebbero dare delle indicazioni importanti per il futuro. Le ultime indiscrezioni parlano di una monoposto molto più veloce rispetto alla stagione della pandemia.

Le prime prove in pista potrebbero indicare la strada intrapresa, ma i risultati saranno presi con le molle. L’ultima parola spetterà alla pista e al Mondiale. In Bahrain il 28 marzo si capirà per cosa la Ferrari potrà lottare in questo 2021. L’obiettivo resta quello di ripetere il campionato 2019. Lottare per il podio e per la vittoria. Magari iniziando a vincere già in Bahrain oppure ad Imola nel GP di casa.


Marquez, “Un mese fa facevo fatica a mangiare…”

Tesla, primi segni di cedimento in Borsa: bruciati 234 miliardi. È il momento buono per investire?