Maverick Vinales lascia la Yamaha al termine della stagione. Per lo spagnolo l’ipotesi più probabile sembra essere quella dell’Aprilia.

ROMA – Maverick Vinales lascia la Yamaha al termine della stagione. Lo spagnolo, dopo alcuni giorni di riflessione, ha deciso di rescindere con un anno di anticipo il proprio contratto con il team giapponese ed iniziare una nuova avventura.

L’ipotesi più probabile, almeno secondo quanto riportato dall’Adnkronos, è quella dell’Aprilia. Ma il profilo dell’iberico potrebbe essere molto utile anche alla Ducati e non si esclude la possibilità di vederlo correre con il team di Valentino Rossi nel 2022.

Vinales: “Decisione molto difficile”

La separazione è stata commentata da Vinales nel comunicato ufficiale della Yamaha. “I cinque anni trascorsi con questo team – ha ammesso lo spagnolo riportato dall’Ansasono stati molto importanti per me. E’ stato difficile prendere questa decisione. Abbiamo condiviso sia grandi vittorie che momenti duri. Di base ci sono sentimenti di rispetto e di stima reciproci, resterò concentrato per raggiungere i migliori risultati in questa stagione“.

E’ con tristezza che saluteremo Maverick a fine anno – le parole di Lin Jarvis – dopo il GP di Germania abbiamo avuto alcune discussioni ad Assen, giungendo alla conclusione che sarebbe nell’interesse di entrambe le parti separarsi“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

MOTOGP MAVERICK VINALES
MOTOGP MAVERICK VINALES

Morbidelli al posto di Vinales in Yamaha?

Il team giapponese nelle prossime settimane dovrà decidere il sostituto di Vinales. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di una ‘promozione’ di Morbidelli per riformare il duo della Petronas con Morbidelli. I due sono amici e per questo non dovrebbero esserci problemi di convivenza.

Si valutano con attenzione anche la crescita dei giovani in Moto2 e non sono escluse sorprese visto che ci sono profili liberi molto interessanti per la Yamaha come lo stesso Andrea Dovizioso. I ragionamenti sono in corso e nelle prossime settimane saranno prese delle decisioni per il dopo Vinales.


F1, GP della Stiria, Leclerc: “Grande macchina”. Binotto: “Ora migliorare la qualifiche”

Formula 1, dominio di Verstappen in Austria. La Ferrari riscatta il flop francese