Il poeta-guerriero dei social Max Conteddu è morto. Il giovane si è spento nel Nuorese dopo aver lottato contro un tumore al cervello.

NUORO – Max Conteddu è morto. Il poeta-guerriero che ha raccontato la sua lotta contro il tumore sui social si è spento nel pomeriggio di giovedì 20 febbraio 2020. Le sue condizioni erano peggiorate negli ultimi giorni tanto che il suo post risale al 10 di questo mese quando aveva pubblicato e uno zero finale che molti avevano interpretato come un conto alla rovescia.

Una lunga battaglia condivisa con diverse persone. I suoi profili hanno raggiunto 40mila follower. E tutte queste persone stanno inviando messaggi di cordoglio alla famiglia per perdita di un guerriero. Ma il suo insegnamento non sarà mai dimenticato da nessuno.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

La lunga battaglia

Una lunga battaglia per Max Conteddu che sui social ha condiviso passo passo il suo cammino con il tumore al cervello. Il tutto fatto con sorriso e ironia che hanno permesso al giovane di affrontare nel migliore dei modi il male incurabile.

Una lotta che purtroppo il ragazzo sardo ha perso ma il suo insegnamento difficilmente potrà essere scordato. E i social si sono stretti alla famiglia con messaggi di cordoglio e di ricordo di Max, il vero guerriero dei social che è entrato nel cuore di molte persone.

Max Conteddu
fonte foto https://twitter.com/istintomaximo

“Tenete un po’ di sole”

L’ultimo post risale al 10 febbraio 2020 quando sui social Max ha pubblicato 9 cuori e uno zero finale. Il giorno prima il ragazzo sardo invitava i suoi fan a tenere “un po’ di sole in tasca perché ne avrete bisogno quando farà buio nella vostra vita“.

E in questa lunga battaglia condivisa Nadia Toffa: “Chiariamoci una volta per tutte: le definì il tumore come un dono, perché le aveva fatto aprire gli occhi. Ma io gli occhi li avevo già aperti prima di questo intruso. Non è un dono, è una maledizione. Nadia, resti comunque una guerriera“.

fonte foto copertina https://twitter.com/istintomaximo

ultimo aggiornamento: 20-02-2020


Napoli, a Scampia iniziata la demolizione delle Vele di ‘Gomorra’

Petra, italiano ucciso dalla caduta di massi