I carabinieri di Mazara del Vallo hanno arrestato quattro persone tra i 20 e i 24 anni per violenza sessuale di gruppo aggravata. La vittima era stata attirata in una “festa imboscata”.

TRAPANI – Una giovane di Mazara del Vallo ha denunciato ai carabinieri di essere stata violentata dal branco. I militari hanno così individuato e posto agli arresti quattro persone tra i 20 e i 24 anni. Due sono finiti in carcere, gli altri sono agli arresti domiciliari. Il gip ha motivato le misure cautelari con le diverse condotte dei quattro indagati la sera delle violenze e con il rischio di inquinamento delle prove. E’ stata evidenziata inoltre “l’alta probabilità di reiterazione del reato per la pericolosità sociale e la personalità” dei ragazzi coinvolti.

Mazara del Vallo, violenza di gruppo

L’accusa nei loro confronti è di violenza sessuale di gruppo aggravata. La ragazza ha denunciato la violenza ai carabinieri l’8 febbraio, raccontando di essere stata ingannata e attirata nella casa al mare dai quattro ragazzi, due dei quali erano suoi amici di vecchia data.

Il drammatico racconto della vittima

La 18enne ha raccontato ai carabinieri di aver avuto un rapporto sessuale con uno degli arrestati in una stanza al piano superiore dell’abitazione di Mazara del Vallo. D’improvviso, il ragazzo avrebbe chiamato gli amici: nonostante le urla della ragazza, i quattro l’hanno violentata procurandole lividi e contusioni su tutto il corpo. Secondo la versione rilasciata ai militari della compagnia del noto centro della Sicilia occidentale, mentre lei implorava di fermarsi i quattro ridevano. Subito dopo la denuncia è scattato immediatamente il protocollo previsto dal codice rosso a tutela delle vittime di violenza e maltrattamenti.

https://www.youtube.com/watch?v=3WmuvvTGY6M&ab_channel=MassimoNalli

Zona Gialla, Arancione e Rossa, le Regioni che potrebbero cambiare colore dal 3 maggio

Spagna, condanna all’ergastolo per Igor il Russo