Nel corso dell’incontro con i sindacati a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni ancora una volta ha posto l’attenzione sul problema pensioni.

La neo premier di estrema destra Giorgia Meloni è tornata a parlare del tanto discusso argomento pensioni. Secondo la leader di Fratelli d’Italia, nonché presidente del Consiglio dei Ministri, ad oggi in Italia “siamo nel mezzo di una crisi internazionale sociale, usciamo da una pandemia, c’è una crisi energetica in corso, un aumento dei costi delle materie prime, un’inflazione vicina al 10%, salari inadeguati, pensioni di oggi basse e quelle future che rischiano di essere inesistenti“.

Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Tassazione sul lavoro? Un grande freno

Sono queste le parole di Giorgia Meloni nel corso dell’incontro con i sindacati a Palazzo Chigi, occasione in cui ha anche sottolineato che “in questo momento la priorità delle priorità è il lavoro”. Per la neo leader, “la tassazione sul lavoro è un grande freno”.

E prosegue: “L’Italia ha tra i tassi più bassi di occupazione dell’Occidente, ha tra i più bassi tassi di lavoro femminile, tra i più alti tassi di lavoro nero. Abbiamo anche una tassazione sul lavoro che è un grande freno, tassi di interessi che tornano a salire. In definitiva, non è una situazione facile quella che troviamo, ma la affronteremo”, dice.

“Possiamo decidere di affrontare questa situazione in una logica di contrapposizione, – dice Meloni – oppure decidere di farlo in una logica di collaborazione. Il mio personale approccio sarà di lealtà e di trasparenza, e sono sicura di poter trovare lo stesso atteggiamento anche dall’altra parte di questo tavolo”.

Secondo la leader, “stiamo affrontando il momento più difficile della storia repubblicana. Bisogna mettere da parte i preconcetti e, nel rispetto delle diverse convinzioni, è necessario provare a ragionare tutti nella stessa direzione: la difesa dell’interesse generale“.

Infine ha concluso rimarcando che “le risorse del Pnrr destinate alle infrastrutture energetiche erano intorno al 5% delle risorse complessive. Bisogna stabilire quali siano le priorità e questo è un tema strategico del quale mi interessa in relazione ad un’alleanza per la sicurezza energetica che diventa, nel caso nostro, non solo un tema di sicurezza e di indipendenza ma anche di strategia che può essere una delle nostre scelte più felici”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-11-2022


Incontro Meloni-Stoltenberg: dall’Ucraina alla Difesa europea

Scontro Roma-Parigi sui migranti: “Italia rispetti le regole”