Nel suo discorso per la fiducia Giorgia Meloni esprime la sua ferma condanna per tutte le dittature e batte molto sulla libertà.

Dopo aver elencato i punti programmatici del suo governo Giorgia Meloni si sofferma sul concetto di libertà. “Libertà e democrazia sono gli elementi distintivi della civiltà europea contemporanea nei quali da sempre mi riconosco” dice la presidente del Consiglio alla Camera. “E dunque, a dispetto di quello che strumentalmente si è sostenuto, non ho mai provato simpatia o vicinanza nei confronti dei regimi antidemocratici. Per nessun regime, fascismo compreso” chiarisce.

“Esattamente come ho sempre reputato le leggi razziali del 1938 il punto più basso della storia italiana, una vergogna che segnerà il nostro popolo per sempre. I totalitarismi del ‘900 hanno dilaniato l’intera Europa, non solo l’Italia, per più di mezzo secolo, in una successione di orrori che ha investito gran parte degli Stati europei. E l’orrore e i crimini, da chiunque vengano compiuti, non meritano giustificazioni di sorta, e non si compensano con altri orrori e altri crimini”, ha sottolineato la premier nel suo discorso per la fiducia.

Si dissocia dunque dal passato fascista del suo partito e mette in risalto i passi avanti che ha fatto la sua comunità della destra liberale. “Noi non faremo alcun passo indietro, combatteremo qualsiasi forma di razzismo, antisemitismo e discriminazione”.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“Non torneremo indietro su diritti civili e aborto”

Il concetto di libertà ritorna anche quando parla del suo passato giovanile e delle manifestazioni che arriveranno contro chi scenderà in piazza a protestare contro il suo governo per cui non nasconde di provare simpatia. “Penso di conoscere abbastanza bene l’attivismo di giovanile. Provo simpatia anche per i giovani che scenderanno in piazza per contestarci, mi tornerà in mente la mia vita. L’ho fatto anche io tante volte e mi ha insegnato tantissimo” e riprendendo il motto di Steve Jobs aggiunge un suo personale invito ai giovani: siate liberi, è qui la grandezza dell’essere umano”.

In tema di libertà e diritti, Meloni parla anche dei diritti civili e dell’aborto su cui si è discusso molto riguardo la linea del nuovo governo. “Un governo di centrodestra non limiterà mai le libertà esistenti dei cittadini. Vedremo anche in tema di diritti civili e aborto, chi diceva bugie e chi la verità sulle nostre intenzioni”.

Libertà fondamento di una società

Per Giorgia Meloni “la libertà è il fondamento di una vera società delle opportunità; è la libertà che deve guidare il nostro agire; libertà di essere, di fare, di produrre. In conclusione del suo discorso ricorda gli insegnamenti di Paolo Borsellino che l’hanno portata ad essere oggi presidente del Consiglio perché è stata la sua figura a spingerla alla politica a 15 anni. Sottolinea l’impegno del prossimo governo di combattere la mafia “Criminali e mafiosi da questo governo avranno solo disprezzo e inflessibilità”. Trova spazio quindi in tema di legalità anche il tema giustizia e carceri e dei suicidi nelle carceri.

Infine ha ricordato il Papa Giovanni Paolo II: “Mi ha insegnato una cosa fondamentale, della quale ho sempre fatto tesoro. ‘La libertà’ diceva ‘non consiste nel fare ciò che ci piace, ma nell’avere il diritto di fare ciò che si deve’. Io sono sempre stata una persona libera, lo sarò sempre e per questo intendo fare ciò che devo. Grazie” conclude la premier.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-10-2022


Giorgia Meloni chiede la fiducia alla Camera

Discorso alla Camera: Meloni cita 16 donne italiane