Meningite, morto a Roma un uomo di cinquant’anni

Allarme meningite, morto un uomo di cinquant’anni

chiudi

Caricamento Player...

Cresce l’allerta meningite in Italia dove, dopo i casi di fine 2016, è morto oggi a Roma un uomo di cinquant’anni ricoverato all’ospedale Umberto I della Capitale. L’uomo era affetto da meningite da pneumococco, una forma non contagiosa. di 46 anni è morto a Napoli dopo un violento attacco febbrile. Il sospetto è che possa trattarsi proprio di meningite da meningococco. Dopo il decesso, avvenuto nel pomeriggio di ieri, sono scattate tutte le procedure per accertare l’eventuale presenza del pericoloso batterio.

Nessun allarme

La Regione Lazio – recita la nota diffusa nel pomeriggio – ha costituito nella seconda metà di dicembre 2016 un gruppo apposito per il monitoraggio delle meningiti. Nel 2016 non sono stati registrati incrementi di casi di meningite rispetto al periodo precedente (2001-2015). Nello specifico nel 2016 sono stati segnalati in tutta le Regione 19 casi di meningite meningococcica rispetto ai 25 casi nel 2015. Non esistono al momento motivi di allarme, né necessità di interventi straordinari diversi dai protocolli vaccinali previsti nella Regione

Sette morti nel 2016

Si tratterebbe dell’ennesimo caso nel nostro Paese, dopo i decessi di un uomo di 46 anni  morto a Napoli dopo un violento attacco febbrile (il sospetto è che possa trattarsi proprio di meningite da meningococco), di un giovane di 18 anni a Castellammare di Stabia e di un bimbo di 22 mesi (probabilmente non vaccinato) a Firenze: per entrambi la diagnosi è stata di sepsi da meningococco di tipo “C”. Complessivamente, i casi registrati in Toscana, dal 2015 a oggi, sono sessanta. Restano critiche, invece, le condizioni di una donna peruviana ricoverata in rianimazione all’ospedale San Martino di Genova. La situazione clinica è stabile, mentre è già stata completata la profilassi per le persone venute a contatto con la donna. I medici, secondo quanto riferito dall’ospedale, sono in attesa del risultato degli esami di laboratorio, dove i tecnici stanno cercando di isolare il ceppo.