L’imminente mercato di gennaio dell’Inter potrebbe vedere l’innesto di un difensore centrale: tutto dipende dal futuro di Miranda

Archiviato il girone di andata con il successo sull’Empoli, in casa Inter le attenzioni sono rivolte tutte al mercato con la finestra invernale che prenderà il via ufficialmente il prossimo 3 gennaio. Tra le squadre alla ricerca di rinforzi ci sono anche i nerazzurri che oltre ad un centrocampista, potrebbe avere la necessità di un difensore centrale.

Mercato Inter: per Miranda futuro incerto

L’arrivo di un nuovo difensore centrale è strettamente legato al destino di Joao Miranda. Il difensore brasiliano in questa prima parte di stagione è stato utilizzato poco per merito di De Vrij – arrivato in estate – che ha saputo subito adattarsi agli schemi di Luciano Spalletti e a costruire con Skriniar la coppia centrale della squadra nerazzurra.

Per questo motivo, il brasiliano, che ha rinnovao il proprio contratto ad ottobre fino al 2020, sta prendendo in serie considerazione l’ipotesi di un addio già a gennaio. Cessione che per l’Inter non è prioritaria e lo farà partire solamente con l’arrivo di un altro centrale. Se le ipotesi di vedere in nerazzurro Joachim Andersen della Sampdoria e Andreas Christensen del Chelsea sono al momento basse, prende largo la pista che porta ad un altro giocatore dei Blues: Gary Cahill.

Joao Miranda
Joao Miranda

Post Miranda: c’è l’offerta per Cahill

Il centrale difensivo del Chelsea con Sarri non sta trovando spazio in campo e per questo motivo, i vertici del club londinese avrebbero aperto ad una sua cessione già a gennaio. La dirigenza nerazzurra è pronta a presentare un’offerta al Chelsea con l’intento di anticipare le concorrenti nella corsa al centrale inglese.

Oltre all’Inter interessati al difensore dei Blues ci sono il Milan e l’Arsenal, con quest’ultimo che rappresenta la vera insidia ai nerazzurri

TAG:
calcio news Inter

ultimo aggiornamento: 30-12-2018


Milan, senti Di Gennaro: “Quarto posto? Lotta tra rossoneri, Lazio e Roma”

Milan-Spal 2-1, le pagelle della Gazzetta: Donnarumma al top