Rodrigo Caio e Iago Maidana, entrambi del San Paolo: ecco i centrali sul taccuino di Leonardo. Il prossimo mercato Milan passerà dall’acquisto di un difensore.

Mercato Milan, Leonardo a caccia di difensori. Sempre in Brasile. Perché la terra del samba non è solo fantasisti e attaccanti (come Lincoln e Pedro Guilherme, tanto per citarne alcuni), ma anche centrali di grande talento e spessore.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Tuttosport, il responsabile dell’area tecnica milanista – che può contare anche sulla mediazione di Ricardo Kakà – sta tenendo d’occhio due giocatori in particolare, entrambi di proprietà del San Paolo.

Il primo è in realtà un vecchio pallino del club di via Aldo Rossi. Si tratta di Rodrigo Caio Coquette Russo, per tutti semplicemente Rodrigo Caio, difensore classe ’93 accostato più volte al Milan negli ultimi anni.

Rodrigo Caio Calciomercato Milan
Fonte foto: https://www.facebook.com/rcaiofficial/

Mercato Milan, Iago Maidana obiettivo per la retroguardia

Il nativo di Dracena ha un contratto fino al 31 dicembre 2021, ma convincere il San Paolo a lasciarlo partire non dovrebbe essere un grosso problema. Tra l’altro, sia Leonardo che Kakà hanno giocato proprio nel Tricolor e possono vantare ottimi rapporti con i dirigenti della società paulista.

L’altro profilo che stuzzica e non poco l’interesse dei vertici rossoneri è quello di Iago Maidana (22 anni), attualmente in prestito all’Atletico Mineiro ma di proprietà del San Paolo. Un obiettivo alla portata e dal costo assolutamente accessibile.

Insomma, il mercato Milan passerà molto probabilmente dall’acquisto di un difensore. Al termine della stagione, infatti, Leonardo e Maldini dovranno colmare il buco lasciato nel reparto arretrato da Cristian Zapata, il cui contratto scadrà il prossimo giugno.

Ecco un video con alcune giocate di Rodrigo Caio:

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
calcio Iago Maidana mercato mercato milan milan Rodrigo Caio

ultimo aggiornamento: 11-09-2018


Sassuolo, Boateng: “Sono tornato in Italia per la famiglia e non solo”

Milan, Rabiot si allontana? Il tecnico del Psg: “Adoro lavorare con lui”