Mercato Milan: parte l’assalto conclusivo a Stefano Sensi

Ieri l’incontro tra Maldini e il procuratore Riso a Casa Milan per Sensi. Tra domanda e offerta ballano cinque milioni: si può chiudere a breve

Stefano Sensi e il Milan sono sempre più vicini. Potrebbe dunque essere arrivata alla stretta finale la trattativa tra il club di via Aldo Rossi e il Sassuolo per il centrocampista classe 1995, una delle sorprese più liete in stagione per la società neroverde. Sensi era stato un obiettivo del Diavolo anche nel corso del mercato di gennaio organizzato da Leonardo. In quel caso tutto si era concluso con un nulla di fatto, anche a causa del denaro speso per gli acquisti di Paquetà e Piatek.

Milan-Sensi in dirittura d’arrivo: 5 milioni tra domanda e offerta

L’accordo tra Milan e Sassuolo, in realtà, sembrava già trovato lo scorso mese. Le dimissioni di Leonardo da direttore generale del club, però, hanno finito per rallentare il tutto. I neroverdi ora hanno la necessità di accelerare le cose, per motivi di programmazione, sollecitando così Maldini a riprendere le redini della trattativa.

L’accordo, come sottolinea la Gazzetta dello Sport, potrebbe essere trovato per una cifra che varia dai 15 ai 20 milioni. L’ultima è la somma richiesta dal patron Squinzi, la seconda è invece la proposta fatta da Maldini. Il futuro direttore tecnico del Diavolo, in tal senso, si è incontrato ieri a Casa Milan col procuratore di Sensi Peppe Riso: l’obiettivo è stato quello di limare l’accordo economico col calciatore.

Paolo Maldini Costacurta direttore sportivo

Milan, dopo Sensi la priorità è Mancini

Stefano Sensi, dunque, si avvia ad essere il primo rinforzo ufficiale della sessione estiva di mercato del Milan. Un profilo che risponde appieno alla strategia di Gazidis di creare una squadra composta da Under 25. Anche la pista che porta a Gianluca Mancini (il cui procuratore è sempre Riso, ndr), va in questa direzione. L’atalantino potrebbe essere il secondo colpo estivo targato Maldini.

ultimo aggiornamento: 12-06-2019

X