La ricerca dell’esterno d’attacco da parte del Milan passa per i brasiliani: Richarlison e Everton sono sul taccuino di Leonardo.

Leonardo sulla scrivania, Paquetà in campo. Per il momento, i brasiliani al Milan sono due ma in estate la componente verdeoro in rossonero potrebbe arricchirsi. Il dg del club di via Aldo Rossi, infatti, osserva continuamente i propri connazionali, in Patria e non solo.

Esterni d’attacco

In vista della prossima stagione, nella quale il Milan spera di partecipare alla Champions League, si sonda il mercato alla ricerca di esterni d’attacco che possano elevare il livello della fase offensiva dell’undici di mister Gattuso. Sul taccuino, sono segnati in evidenza i nomi di Richarlison e Everton.

Prezzi elevati

Per quanto riguarda il classe ’97 in forza all’Everton, il costo del cartellino è altissimo: i Toffees, dopo averlo strappato al Watford in estate (40 milioni circa), lo valutano circa 65-70 milioni. Una cifra che potrebbe allontanare il Milan. Il quale si mangia le mani dato che nell’estate nel 2017 Richarlison era stato proposto dalla Fluminense per una decina di milioni. Leonardo lo segue da tempo e lo apprezza tantissimo.

Operazione con il Gremio?

Dall’Everton e Everton. Un altro brasiliano nel mirino di Leonardo. Il classe ’96 in forza al Gremio ha una clausola rescissoria di 80 milioni ma a 40-50 milioni si può trattare. Un costo sensibilmente inferiore a quello per Richarlison. Il talento di Maracanaù è stato convocato di recente dalla Nazionale di Tite. Nel 2017, da prima riserva, ha vinto la Copa Libertadores e sfidato il Real Madrid nella Finale di Coppa del Mondo. Il Milan valuta e potrebbe affondare il colpo con il club di Porto Alegre. I buoni uffici di Leonardo hanno la strada preferenziale. E in rossonero Everton costruirebbe un asse sinistro davvero eccezionale con il connazionale Paquetà.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
everton Everton Sousa Soares leonardo milan richarlison

ultimo aggiornamento: 17-03-2019


L’ultimo Milan-Inter, pareggio a reti bianche che ferma la risalita rossonera

Derby, Kakà non è scaramantico: “Vince il Milan”