Mercedes-Benz E: fari intelligenti e non solo

Mercedes-Benz E e C saranno dotate di fari “intelligenti”. La prima applicazione la vedremo probabilmente sul modello top Classe C Coupé, vedette della Stella al prossimo IAA di Francoforte.

Le Mercedes-Benz E e C saranno dotate di gruppi ottici “intelligenti” capaci di adattare automaticamente la luminosità in base alla intensità della luce. Il primo esempio lo vedremo probabilmente applicato sulle versioni top di gamma della Classe C Coupé che sta per esordire sulla scena mondiale il 19 agosto, per poi assumere il ruolo di vedette del prossimo IAA di Francoforte, in programma dal 17 al 27 settembre.

La C Coupé si propone come sorella minore della S Coupé da cui mutua la sportiva ed aggressiva linea. I rendering in circolazione mostrano una coda, molto tagliata, che accentua l’impostazione da coupé cattiva. Sarà più bassa di 4 cm rispetto al modello attuale per offrire una maggiore tenuta di strada nelle diverse condizioni d’impiego.

Grande attesa per le versioni AMG. Alle tre classiche (C 450 AMG da 367 CV, 4.0 turbo C 63 AMG da 476 CV e C 63 AMG S da 510 CV), allo IAA dovrebbe essere esposta una versione ancora più cattiva, denominata Black Series. Un mostro dotato di oltre 550 CV.

Allo IAA non ci sarà invece la Mercedes-Benz E, di cui hanno iniziato a circolare le prime foto spia sul web, la cui presentazione ufficiale è prevista al Salone di Detroit del prossimo anno.

Oltre ai gruppi ottici posteriori anti oscuramento, che consentono la regolazione automatica della luminosità in base alla intensità della luce ambientale – diminuisce progressivamente di giorno e aumenta di notte e in tutte le condizioni di scarsa visibilità – la Mercedes-Benz E presenterà tutta una serie di dotazioni hi-tech volte a conquistare la clientela Business “smartphone”.

Molte si basano infatti su app che permettono di interagire attraverso il cellulare con i dispositivi per la sicurezza attiva e passiva. Un’app, per esempio, consente, senza essere a bordo, di muovere l’auto avanti e indietro e di “guidarla” nelle manovre di parcheggio o per entrare ed uscire dal box, ovviamente il tutto nella massima sicurezza e semplicità.

Un’altra consente di regolare tramite lo smartphone, sempre senza salire a bordo, la posizione dei sedili e degli specchi retrovisori. Per attivarla occorre avvicinare il cellulare o il tablet alla maniglia della portiera per consentire ad auto e dispositivi di comunicare attraverso la tecnologia NFC ed effettuare le regolazioni preimpostate.

Sul fronte della sicurezza si raggiungono elevatissimi livelli grazie a dispositivi estremamente innovativi e sofisticati come il Pre Safe Sound che, in caso d’incidente, allevia le ripercussioni sull’orecchio evitando i danni che può provocare la violenza del rumore – paragonabile a quello di una bomba – e causa sovente di sordità permanente.

La Mercedes-Benz E sarà la prima a montare la versione evoluta del Distance Pilot Distronic che, come è noto, evita i tamponamenti mantenendo la distanza di sicurezza dall’auto che precede e agendo di conseguenza sui freni. L’ultima versione agisce sino a una velocità di 200 km/h e legge gli spazi della carreggiata e della corsia.

Lo Speed Limit Pilot è invece in grado di leggere attraverso la sua telecamera stroboscopica i cartelli stradali e di adeguare di conseguenza la velocità.

Infine lo Evasive Sterring Assist è un vero e proprio angelo custode che prende il controllo del volante per evitare un ostacolo improvviso. Se non c’è spazio sufficiente per scansarlo, fa intervenire automaticamente l’evolutissimo impianto frenante in grado addirittura di rilevare il comportamento degli altri utenti della strada e calibrare di conseguenza la frenata.

Questi sono soltanto alcuni dei dispositivi di cui sarà probabilmente dotata la nuova Mercedes-Benz E per riconquistare il favore soprattutto della clientela Business che all’ultima versione imputava il fatto di non aver saputo mantenere quel carattere di eccellenza ed esclusività tipica della Classe.

Pare che a Stoccarda vogliano strafare anche sul fronte dei motori, si parla di un propulsore quadri-turbo V8 capace di sviluppare oltre 570 CV e destinato alla super performante nuova E63 AMG S. Non resta che attendere Detroit, noi vi terremo informati.

ultimo aggiornamento: 31-07-2015

X