Fascinosa e filante, la Mercedes CLA Shooting Brake porta un po’ di glamour nel troppo spesso noioso segmento delle wagon compatte.

 Con la CLA la Mercedes attacca il segmento delle station wagon compatte puntando sullo stile e sul dinamismo. Appena 7 cm più corta della Classe C SW, la più piccola delle Shooting Brake di Stoccarda si discosta completamente per filosofia dalla giardinetta media, scongiurando qualsiasi rischio doppione. Col maggior spazio che offre rispetto alle due e tre volumi costruite sulla stessa piattaforma, ma anche in confronto alla crossover GLA, rappresenta una soluzione fast&chic verso la vita famigliare. Più abitabile delle berline, soprattutto posteriormente grazie al padiglione meno spiovente, ha comunque un vano bagagli apprezzabile che risulta adatto a soddisfare le necessità di spazio di un giovane nucleo di tre o quattro persone, anche con bimbi piccoli.

Lunga 4,63 metri, larga 1,77 e alta 1,43, la CLA Shooting Brake ha una linea filante e slanciata che si discosta nettamente da quanto proposto dalla concorrenza. Il suo Cx di soli 0,26 rappresenta un vero riferimento nella categoria. La sportività è la sua cifra distintiva e pazienza se il bagagliaio non è da record. Non può comunque dirsi piccolo dal momento che misura 495 litri in configurazione a 5 posti, 5 litri in più della Classe C SW. Se si ripiega il divano e si rinuncia ai posti dietro si arriva a 1.354 litri, questi sì non tantissimi (la C SW è accreditata di 1510 litri), ma comunque sufficienti a carichi di media importanza.

Ordinabile da gennaio, disponibile sin dal lancio con trazione anteriore o integrale 4Matic, è offerta per il momento con tre motori a benzina e due a gasolio. Alla base della gamma ci sono i due “millesei” della 180 e della 200, rispettivamente con 122 e 156 cavalli. Il duemila da 211 CV della 250 è abbinabile anche alla trazione integrale. Per quel che riguarda i turbodiesel, in listino ci sono il 200 CDI da 136 CV e il 220 CDI (2wd e 4Matic) da 177 CV, entrambi con cilindrata di 2.143 cc. Parallelamente all’inizio delle vendite viene offerto l’allestimento speciale OrangeArt Edition che si distingue per gli elevati contenuti e il buon rapporto dotazione prezzo e offre di serie tra gli altri i sedili sportivi arancione/nero con cuciture a contrasto, i fari bixeno bordati con un’esclusiva cornice arancione e i cerchi in lega AMG verniciati sempre in arancione.

Clicca sulle foto per ingrandirle ed entrare nella galleria fotografica


Citroën DS: storia di un capolavoro

Car Detailing Accademy: la Spa dell’auto